Fano, dragaggio del porto: al via i lavori da novembre

La Giunta comunale nella seduta del 10 ottobre ha approvato il progetto esecutivo riguardante i “Lavori urgenti di dragaggio selettivo delle darsene interne del porto di Fano con immersione dei sedimenti di cassa di colmata e ad immersione deliberata in mare”. I lavori consistono ssenzialmente nel:
– dragaggio selettivo mediante mezzo effessorio a benna mordente posto su motopontone, di parte delle aree portuali per una quantità complessiva di mc. 27.457,52 mc circa e trasbordo del materiale dragato dal motopontone alla nave posta alla fonda del porto di Fano;
– trasporto del materiale dragato mediante idoneo mezzo navale a cassone stagno con una capacità di carico non inferiore a mc. 800,00 sino al sito di immissione, vale a dire la cassa di colmata di Ancona, per fanghi di classe B mc 19.584,44 circa o mare aperto per fanghi di Classe A mc 7.873,08 posti a 27.5 miglia marine a sud del porto di Fano;
– scarico del materiale di classe A trasportato dalla nave direttamente al sito di immersione in mare posto al traverso del porto di Ancona;

L’attuazione del progetto esecutivo prevede una spesa di € 845.000, somma che viene conferita al Comune quale contributo della Regione per il tramite dell’Autorità portuale, e la stessa somma viene impegnata a bilancio.

“Con tale atto – commenta l’assessore all’urbanistica e area portuale Marco Paolini – rendiamo concreto l’avvio del prossimo dragaggio, dando così una risposta importante alle attività della pesca, della nautica e del diporto. I lavori secondo il cronoprogramma dovrebbero iniziare già entro il prossimo mese di novembre, per cui l’urgenza con la quale ci veniva sollecitato un intervento trova  una soluzione adeguata a risolvere le problematiche evidenziate da tutto l’ambiente portuale”.

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2017 - Aurora Sammartano

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*