Turismo a Fano, Confcommercio: “Bene ma troppo breve la stagione”
Si è svolto a Fano un incontro tra il Presidente dell’Associazione Albergatori Luciano CECCHINI , il Segretario di Federalberghi Marco ARZENI e il Direttore Generale di Confcommercio Marche Nord , Amerigo VAROTTI per un esame – nel pieno della stagione balneare – della situazione del turismo nella Città di Fano.
L’incontro è stato programmato anche a seguito dei vari interventi che sulla stampa in questi giorni hanno esaminato l’andamento turistico a Cattolica , Gabicce mare , Pesaro e Senigallia.
Il Presidente Cecchini ( confortato anche dal parere del Direttore del Servizio turismo del Comune , Mauro Giampaoli ) , ha giudicato positivamente i numeri estivi del turismo fanese :
“ Andamento positivo , più o meno come nel 2018 , ma con la tendenza sempre più marcata a lavorare con prezzi adeguati non seguendo la pessima scelta di altre località in cui – pur di prendere eventi e manifestazioni anche a discapito di Fano – si lavora a prezzi alberghieri molto bassi , incompatibili con correte gestioni delle imprese. E’ segno , questo , che la Città piace : per la qualità della vita , la tranquillità , la belle zia del mare , un centro storico ed alcuni eventi di qualità ne determinano il successo “.
Tra gli eventi più importanti che hanno un impatto sul turismo “ innanzi tutto PASSAGGI Festival ( che la Confcommercio ha aiutato e patrocinato nelle prime edizioni , aiutandola a nascere  svilupparsi – ricorda compiaciuto VAROTTI !) , Fano Jazz e in primavera Collemarathon “.
Ci sono però problemi che vanno affrontati e risolti : destagionalizzazione e abusivismo.
“ Il turismo a Fano – dice il Direttore Varotti – è prevalentemente stagionale e balneare. Ma una stagione molto , troppo breve. E ciò ,  nonostante l’ottima qualità delle strutture alberghiere , non consente l’aumento di redditività e quindi capacità di investimento delle imprese ed un impatto adeguato sul commercio specialmente nel centro storico.
Fano , per la sua storia , i musei , l’offerta architettonica ed archeologica , avrebbe la possibilità di un turismo tutto l’anno. Aumentando turisti e consumatori per negozi e ristoranti.
Ma per fare questo bisogna investire in promozione : cosa che finora il Comune di fano non ha fatto.
Basta pensare all’Itinerario Archeologico e  delle Città sotterranee che Confcommercio presenterà a Paestum alla Borsa internazionale del Turismo Archeologico a cui Fano non ha aderito ; o all’Itinerario della bellezza che propone nel mondo le nostre opportunità turistiche a cui Fano non ha aderito. E così a parte qualche limitata presenza in alcune fiere del turismo la Città è assente nel mercato del turismo. Così a Fano il turismo vive da metà giugno a metà settembre “.
“ Sull’ ABUSIVISMO – dice ARZENI – il Comune deve fare molto di più . Ci sono moltissimi b&b , e appartamenti turistici. A fine anno chiederemo i dati della tassa di soggiorno per vedere quante strutture extralberghiere lavorano nel rispetto della legge. Ma creiamo che già da oggi il Comune possa fare molto di più per vigilare , monitorare e sanzionare illeciti che hanno anche un impatto notevole sulla sicurezza”
CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2019 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.