Protesta del latte, sit-in a Pergola: amministrazione comunale al fianco dei pastori sardi

Anche a Pergola è arrivata la protesta dei pastori e agricoltori sardi per il prezzo troppo basso del latte, ma anche per altri prodotti come l’agnello, e in difesa del made in Italy. Sit in martedì sera davanti al palazzo comunale, organizzato dall’amministrazione comunale insieme alla comunità di pastori sardi insediata a Pergola. Con loro tanti cittadini, circa trecento.

IMG-20190220-WA0003

A Pergola una trentina di allevatori, da Urbino, Arcevia, Calcinelli, Montelabbate. Con loro anche i vertici dell’associazione culturale sarda di Pesaro e della federazione associazioni sarde d’Italia.

«Abbiamo organizzato questo sit-in – ha esordito il sindaco e vicepresidente nazionale Anci Francesco Baldelli – perché vogliamo far sentire forte la nostra vicinanza ai pastori e allevatori sardi del nostro territorio. Una comunità che sostiene l’economia pergolese, che lavora duramente. I politici si ricordino che noi staremo sempre dalla parte dei lavoratori, di chi si rimbocca le maniche ogni giorno e produce prodotti di qualità nel nostro territorio. Ma siamo anche contro quella grande distribuzione organizzata, quelle multinazionali che vogliono approfittarsi dei nostri pastori, contro questo modello di Europa che non ci rappresenta. Il latte da 60 centesimi passi stabilmente a 1 euro più iva. Questo sit-in sarà solo il primo di una lunga serie di iniziative se la situazione non si sbloccherà. C’è troppo silenzio da parte della classe politica muta di fronte all’invasione dell’olio tunisino, delle arance dal Marocco, dei pomodori dalla Cina o dal latte dell’est. Dobbiamo proporci di non acquistare più prodotti che non siano lavorati in Italia con latte che non proviene dalle nostre stalle e che fa concorrenza sleale ai prodotti della nostra terra. Solo così potremo sconfiggere chi sta mettendo in ginocchio l’Italia e la sua economia. Vogliamo mangiare il pecorino romano fatto solo con latte sardo che è il migliore».

52422297_10218095980781879_2347992035845210112_n

Poi insieme al presidente dell’associazione sardi di Pesaro Urbino Luciano Zucca hanno preso la parola due allevatori sardi-pergolesi: Francesco Bussu e Sebastiano Ruiu.

53075042_10218095983581949_6489030796333023232_n

«Il prezzo del latte – ha sottolineato quest’ultimo – è davvero troppo basso per andare avanti. I sacrifici che quotidianamente facciamo sono enormi, il nostro è un lavoro molto duro, ma così ci costringeranno a chiudere. La speranza è che la situazione cambi al più presto».

52651137_10218095988102062_894221678609956864_n

Ha proseguito Bussu: «Altro problema è rappresentato dal prezzo dell’agnello. A Pasqua e a Natale ci danno circa 4 euro, durante l’anno se va bene 2,5 euro. Devono pagarci un prezzo giusto tutto l’anno!»

52467400_10218095986342018_1430416721671356416_n

Gli allevatori hanno poi donato al centro socio educativo Margherita e alla casa di riposo alcune forme di formaggio sardo.

52439661_10218095986062011_8380369518286864384_n

Al termine, in forma di protesta, hanno versato lungo il corso alcune taniche di latte tra gli applausi dei tanti cittadini intervenuti.

52480978_10218095983061936_3777928339654705152_n

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2019 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.