Fa sparire i soldi dei ticket, denunciato dipendente ospedale di Cagli

La Guardia di Finanza di Pesaro ha eseguito un sequestro di beni nei confronti di un dipendente dell’Ospedale di Cagli, responsabile del reato di peculato.
L’attività di indagine – coordinata dalla Procura della Repubblica di Urbino e condotta dai finanzieri della Compagnia della stessa città – è stata concentrata nei confronti di un dipendente in servizio all’ufficio cassa del citato ospedale.
Attraverso accurati accertamenti la Guardia di Finanza ha scoperto che il dipendente, dal 2010 al 2015, si era appropriato complessivamente di oltre 26.000 euro costituente la somma del denaro complessivamente versata dai pazienti alla cassa dell’Ospedale, a pagamento del ticket, prima di essere sottoposti a visita e/o esame medico.
In particolare, l’indagato, dopo aver eseguito le operazioni di incasso, simulava la restituzione del corrispettivo agli inconsapevoli utenti, attestando falsamente lo storno delle fatture. Il denaro, in realtà, finiva nelle sue tasche.
Le indagini dei finanzieri hanno portato, quindi, alla denuncia per peculato del dipendente infedele, che nel frattempo è stato licenziato dall’Ente d’appartenenza, e all’esecuzione di un decreto di sequestro preventivo, emesso dal GIP del Tribunale di Urbino, finalizzato alla confisca per equivalente dei beni dell’indagato fino al raggiungimento della somma indebitamente sottratta.
L’operazione conclusa si inquadra nell’azione di contrasto ai fenomeni illeciti in danno agli Enti pubblici, a tutela della corretta gestione della spesa pubblica.

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2017 - Aurora Sammartano

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*