Confiscati immobile di pregio e disponibilità per oltre 120.000 euro

Le Fiamme Gialle pesaresi hanno eseguito la confisca di beni per oltre duecentocinquantamila euro nei confronti di due coniugi, amministratori di una società di Fano operante nel settore della costruzione di imbarcazioni da diporto e dichiarata fallita nell’anno 2012. I beni oggetto di confisca erano già stati sottoposti a sequestro “per equivalente” a seguito di indagini condotte dal Nucleo di polizia economico-finanziaria di Pesaro nel corso delle quali erano state ricostruite le vicende della società ed accertate le responsabilità degli amministratori. Questi ultimi, oltre a depauperare il patrimonio della società, avevano distratto, in maniera fraudolenta, un finanziamento europeo, per euro 253.554,60, concesso dalla Provincia di Pesaro e Urbino nell’anno 2010 con il fine di migliorare il rendimento ambientale delle aziende operanti nel settore nautico marchigiano. La sentenza di confisca, intervenuta dopo la condanna definitiva dei due coniugi, ha interessato una villa di pregio in San Costanzo (PU) e prodotti assicurativi per oltre 120 mila euro. L’esito dell’attività, da inquadrare nella missione istituzionale del Corpo a contrasto di ogni forma di illegalità economico–finanziaria, costituisce il presupposto per il successivo riutilizzo dei beni a fini sociali nel territorio con l’obiettivo ultimo di assicurare un’utilità al cittadino attraverso un virtuoso reimpiego dei patrimoni illecitamente accumulati

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2019 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.