Pergola, fanno esplodere il bancomat in pieno centro. A dare l’allarme il sindaco

E’ tornata a colpire nella Valcesano la banda del bancomat. Dopo un periodo di relativa calma, se si eccettua il tentativo fallito due settimane fa a Fratte Rosa, la notte scorsa i malviventi hanno preso di mira l’Ubi banca di piazza Ginveri a Pergola, ad appena qualche metro dal palazzo municipale, dove hanno fatto esplodere lo sportello bancomat. Il boato fortissimo, poco dopo le 3.30, tanto da aver svegliato i residenti che abitano nel centro storico, tra cui il sindaco Francesco Baldelli. E’ stato proprio il primo cittadino a dare l’allarme, chiamando i carabinieri. Dalle prime ricostruzioni effettuate dai militari, per far esplodere il bancomat avrebbero usato la ormai classica tecnica dell’acetilene. Il gas viene introdotto nella macchina bancomat tramite una cannula, quindi si provoca l’esplosione, ovviamente a distanza, con un innesco elettronico. Un colpo secco, più sicuro per chi lo utilizza rispetto a quello provocato dalla polvere da sparo, e che causa anche meno danni agli edifici. L’innesco elettronico fa aprire i cassetti in cui si trovano i contanti e per i malviventi il gioco è fatto. Non si conosce l’ammontare del bottino, la gestione del bancomat sembrerebbe essere affidata a un gruppo privato esterno. Non è da escludere che possa essere piuttosto ingente considerando che prima del finesettimana gli sportelli bancomat vengono abbondantemente riforniti del denaro contante per soddisfare le richieste del week end. Indagano i carabinieri della stazione di Pergola, a cui potranno risultare assai preziose i filmati delle varie telecamere, sia dell’istituto bancario che di alcuni privati lungo il corso cittadino, e soprattutto quelle installate dall’amministrazione comunale agli ingressi della città. E’ l’ennesimo bancomat fatto saltare a Pergola: nel 2014 lo stesso dell’altra notte.

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2019 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.