Mondavio torna a rivivere i fasti del Rinascimento con la Caccia al cinghiale

Il centro roveresco tornerà a rivivere i fasti del Rinascimento con la 58esima rievocazione storica “Caccia al cinghiale”. La manifestazione, una delle più antiche e di successo della regione, si terrà dal 12 a Ferragosto. L’organizzazione è della Pro Loco, con la collaborazione dell’amministrazione comunale. Sarà una edizione speciale perché si festeggerà i 40 anni del gruppo storico, vera e propria colonna della rievocazione storica e protagonista di tantissime esibizioni in Italia e all’estero. L’evento è stato presentato in sala consiliare dal sindaco Mirco Zenobi, dal presidente della Pro Loco Claudio Goffi e dal consigliere regionale Federico Talè. <La “Caccia al cinghiale” – ha esordito il primo cittadino – è una delle rievocazioni storiche più importanti delle Marche e l’evento clou a livello promozionale del nostro territorio. Quest’anno tornerà a svolgersi su quattro giorni. Un’edizione quindi particolarmente ricca, durante la quale festeggeremo anche i 40 anni del gruppo storico. Si partirà come sempre con il Banchetto rinascimentale, da sempre uno degli appuntamenti più attesi e di successo dell’intera manifestazione. Voglio ringraziare – ha concluso il sindaco – gli oltre 100 volontari, un vero e proprio esercito, che con passione e impegno porta avanti l’evento>. Goffi si è soffermato sul programma. <Per questa edizione oltre ad aver riportato la rievocazione a quattro giornate, si è data grande attenzione agli spettacoli con artisti di assoluta qualità che si esibiranno in vari luoghi del centro storico. Partiremo come sempre con il Banchetto rinascimentale, tradizionale evento di inizio rievocazione. Per una sera sarà possibile rivivere il ‘400 all’interno del chiostro francescano. Sarà confermato, visto il successo dell’anno scorso, il bivacco: gli ospiti rivivranno le antiche atmosfere di un accampamento militare, allietati da musici e giullari. Il 13 agosto festeggeremo i 40 anni della fondazione del gruppo storico, per l’occasione avremo la collaborazione del gruppo di Servigliano. Infine, il 14 e a ferragosto proporremo un programma potenziato con spettacoli itineranti. Aumentati anche gli antichi mestieri e i mercatini artigianali. <Ogni sera sarà possibile degustare piatti tipici nelle taverne. Lo spettacolo finale quest’anno sarà “Il sogno di Icaro” e unirà danza, arte e non solo. Il tema del 2017 ha come spunto l’aria ed è normale che abbia come protagonista uno degli episodi più famosi della mitologia greca>. Ha concluso il consigliere regionale Talè. <E’ questo l’evento da sempre più importante di Mondavio. Lo conosco molto bene per averlo vissuto da volontario e poi da sindaco. Sono poche le manifestazioni storiche a livello regionale così longeve. Faccio i miei complimenti alla Pro Loco per l’ottimo lavoro e al gruppo storico che festeggerà un grande traguardo. Una rievocazione che svolge anche un ruolo sociale importante con tanti giovani impegnati. Sono queste manifestazioni che vanno salvaguardate in ogni modo e anche per questo ho presentato una proposta di legge sulle rievocazione storiche che andrà finanziata affinchè possano ricevere un sostegno economico fondamentale>.

Il gruppo arcieri, balestrieri storici e corte roveresca è il cuore da sempre della rievocazione. Lo spettacolo del 13, emozionante e coinvolgente, ripercorrerà alcuni momenti salienti dell’attività svolta.

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2017 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*