Barbanti, Monterolo Montevecchio, variante San Lorenzo, liceo, elisuperificie: la Provincia a Pergola tra strade e scuole

Il tour nel territorio dell’amministrazione provinciale è scattato da Pergola dove, il presidente Giuseppe Paolini e i consiglieri hanno incontrato cittadini, sindaci, imprenditori e associazioni. Strade e scuole al centro dell’incontro, in particolare due arterie che tanto a cuore stanno ai pergolesi e agli abitanti della media alta Valcesano: «Le provinciali Barbanti e Monterolo – ha esordito Paolini, dopo aver saluto la sindaca Simona Guidarelli – sono una priorità, intendiamo fare interventi con i fondi che arriveranno dal ministero delle infrastrutture e trasporti nel 2020». Il presidente ha evidenziato i lavori di somma urgenza fatti sulla Barbanti, per circa 200mila euro, per sistemare i movimenti franosi verificatisi con l’emergenza maltempo del marzo 2018 e ripristinare la viabilità, mentre per la 94 Monterolo, chiusa al traffico a causa di una grossa frana sono stati spesi 40mila euro per interventi volti a migliorare la viabilità alternativa sulla strada comunale. «Con i fondi Mit prevediamo di migliorare le condizioni stradali della Barbanti e intervenire per risolvere i problemi della Monterolo, in quest’ultimo caso dopo verifiche, anche dal punto di vista geomorfologico, che dovranno essere eseguite dalla Regione competente in materia di dissesto idrogeologico, per capire se è meglio ripristinare la parte franata o dar vita a un percorso alternativo». Paolini si è soffermato poi sugli ingenti tagli: «Da anni la Provincia è sottoposta a tagli e prelievi forzosi ingentissimi da parte dello Stato, solo nel 2018 sono stati prelevati dalle nostre casse 17 milioni di euro versati dai cittadini per RcAuto e Ipt, che avrebbero potuto essere impiegati per asfaltare strade e sistemare scuole. Nonostante questo, sono stati fatti importanti interventi e altri sono in previsione». A illustrarli il dirigente del servizio viabilità ed edilizia scolastica della Provincia Maurizio Bartoli. L’opera più importante, grazie al lavoro di squadra tra Regione, Comune e la stessa Provincia, il completamento della variante alla 424 a San Lorenzo in Campo. I lavori, per 2,2 milioni, sono stati appaltati, e si concluderanno nel 2020. Con finanziamenti Mit 2019 si interverrà su diverse strade, tra cui la 5 da Mondavio a Fossombrone e su vari tratti della 41. A Pergola previsto il completamente dell’elisuperficie, per 63mila euro, per l’estensione del servizio al volo notturno di elisoccorso. Riguardo alle scuole, al liceo di Pergola fatte dalla Provincia verifiche di vulnerabilità sismica per 18mila euro, con risultati entro luglio e si sta procedendo all’adeguamento delle norme di prevenzione incendi e certificato di prevenzione incendi per 55mila euro, stanziati dal Miur. Completata la progettazione per la nuova palestra dell’istituto Celli di Cagli, per inserire il progetto tra quelli finanziabili con il Piano triennale dell’edilizia scolastica.

Il dirigente del Servizio Viabilità e del Servizio Edilizia scolastica della Provincia Maurizio Bartoli ha parlato di altri interventi fatti dall’amministrazione provinciale sia a Pergola (tra cui la sistemazione di tratti del piano viabile nel centro abitato e tratti del piano viabile e pertinenze della ‘Barbanti’) che negli altri comuni della Valle del Cesano, anticipando i lavori che verranno fatti sul territorio con finanziamenti Mit 2019 su diverse strade: Sp 5 da Mondavio a Fossombrone (consegna lavori in corso, importo 100mila euro), Sp 29 tra Pianello e il confine della provincia (ripristino barriere paramassi, lavori appaltati, importo 150mila euro) e lavori in fase di appalto, per un importo di 250mila euro, su vari tratti delle Sp 41 (a Cagli, Frontone e Serra Sant’Abbondio), Sp 120 (Riofreddo a Mondavio e Serra Sant’Abbondio), Sp 150 (Piè delle Vigne). Diversi gli interventi, tra cui quello del vice sindaco Graziano Ilari, che nel ringraziare l’amministrazione provinciale per la rapidità con cui è stata riaperta la Barbanti e nel ricordare come i territori dell’entroterra risentano più di altri della mancanza di risorse della Provincia, ha evidenziato anche le esigenze di altre strade, prima fra tutte la Monterolo “che si trova in un’area abbastanza popolata, che vive già il disagio di avere il capoluogo a molta distanza”, auspicando un intervento nel più breve tempo possibile.

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2019 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.