Ospedale Pergola, Baldelli: “In Regione è andata in scena l’ennesima farsa”

Nulla di fatto per l’ospedale di Pergola. Nel consiglio regionale di ieri è stata rinviata la discussione delle mozioni riguardanti la sanità della Regione, tra cui anche quelle relative all’ospedale di Pergola, presentate dal consigliere Federico Talè, che l’ha ritirata, e dai colleghi Urbinati, Minardi, Micucci, Giacinti. La mozione di Talè chiede per Pergola il riconoscimento nel prossimo piano sanitario regionale dello status di ospedale di base per area disagiata, sede di pronto soccorso, l’altra, tra i vari punti, la classificazione di area particolarmente disagiata al nosocomio cesanense. E’ stata approvata una risoluzione della maggioranza in cui sono confluite tutte le diverse mozioni.

Disgustato il sindaco Francesco Baldelli che con la vice Oradei e il consigliere Orlandi ha assistito alla seduta: «Dopo mesi di annunci trionfalistici con ripetuti comunicati, post su Facebook, manifesti per preannunciare un pullman per recarsi in consiglio, mai organizzato, il Pd e i suoi amici della minoranza pergolese hanno messo in scena l’ennesima farsa. La mozione per il riconoscimento dello status di struttura in area disagiata per l’ospedale di Pergola, dopo numerosi rinvii, non è stata votata ma addirittura ritirata. L’opposizione di centrodestra aveva concordato proprio con me il sostegno e riconoscimento di ospedale di area disagiata. Si è assistito a una stucchevole inutile discussione, per nascondere le divisioni della giunta regionale e del gruppo del Pd dopo gli effetti disastrosi delle sue politiche sanitarie che hanno portato allo smantellamento del diritto alla salute dei cittadini e alla chiusura degli ospedali. Una nuova vergognosa pagina della politica sanitaria di Ceriscioli e un consiglio regionale che ha dato vita alla peggior giunta regionale che le Marche abbiano mai avuto. Il Pd ha trovato il modo per continuare a ingannare i cittadini annunciando solo che nel prossimo piano sanitario verranno prese in considerazione le esigenze dei cittadini. Ossia ha confessato di aver scritto il precedente senza preoccuparsi dei diritti dei marchigiani. E anche il nuovo, con queste premesse, si preannuncia molto pericoloso».

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2019 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.