Banda Ultra Larga, anagrafe nazionale popolazione residente: a San Costanzo si lavora per una comunità smart

Dall’anagrafe nazionale della popolazione residente alla copertura del territorio con servizi a banda ultra larga: l’amministrazione comunale sta muovendo i primi passi per costruire una comunità smart. Obiettivo chiaro e ambizioso: impiegare in modo innovativo le tecnologie per il rilancio dell’economia e del benessere dei cittadini. Fra i progetti in corso quello per la copertura del territorio comunale con servizi a banda ultra larga, lavori rientranti nell’agenda digitale della Regione Marche. Si è tenuto nei giorni scorsi presso l’ufficio tecnico un primo tavolo con i tecnici di Open Fiber che stanno predisponendo il progetto con una ipotetica data di completamento dei lavori prevista per la primavera estate del prossimo anno. Intanto, il Comune, grazie all’attività dell’ufficio anagrafe, ha completato il subentro dell’ente nel sistema unico dell’anagrafe nazionale della popolazione residente. San Costanzo è fra i primi comuni della provincia a completare il subentro, insieme, tra gli altri, a Fano, Pesaro, Colli al Metauro, Cartoceto, Fossombrone e Mondavio. L’Anpr è un progetto nazionale avviato nel 2012 che negli ultimi anni ha avuto una forte accelerazione grazie all’azione innovatrice dell’Agenzia per l’Italia digitale. Il progetto ha come obiettivo la centralizzazione a livello nazionale delle identità dei cittadini italiani che prima dall’avvio del progetto si trovavano dispersi in più di ottomila anagrafi comunali del paese. La semplificazione nella gestione dei dati anagrafici della popolazione, quando sarà completata, permetterà alle pubbliche amministrazioni di accedere telematicamente ad un unico archivio per verificare le identità dei cittadini, superando le procedure di autocertificazione, effettuare in modo automatico cambi di residenza, e per i cittadini di richiedere i propri certificati anche in comuni differenti da quello di residenza. Al contempo lamministrazione comunale, con il sindaco Filippo Sorcinelli e l’assessore Stefano Giraldi, in particolare, sta predisponendo delle azioni per recepire i progetti nazionali ed europei riguardanti la trasformazione digitale. Tra questi, oltre al progetto per la copertura con servizi a banda ultra larga, quello di integrazione del canale dei pagamenti pubblico Pagopa con le procedure di riscossione dell’ente. Questa attività, ancora in corso, è finanziata da fondi regionali in convenzione con altri comuni. Sono stati, inoltre, ripresi i rapporti con gli enti, privati e pubblici, che sono titolari di convenzioni per la fornitura di servizi ed infrastrutture tecnologiche che rivestono un ruolo strategico per i progetti di innovazione digitale. Azioni che sono le basi per cogliere le opportunità offerte dalla trasformazione digitale in atto. Anche la Comunità Europea, nelle politiche per lo sviluppo rurale, sta prestando sempre più attenzione per promuovere azioni per i cosiddetti “Smart Villages”, ossia comunità che nelle aree rurali impiegano in modo innovativo le tecnologie per il rilancio dei territori.

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2019 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.