Presenta falsi documenti per dissequestrare i suoi beni. Denunciato imprenditore di Fermignano

La Compagnia della Guardia di Finanza di Urbino ha denunciato un imprenditore quarantottenne di Fermignano per il reato di false dichiarazioni o attestazioni in atti destinati all’Autorità Giudiziaria (art. 374 bis c.p.). Sulla base delle indagini lo stesso risulterebbe aver tentato di ottenere il dissequestro di alcuni beni che gli erano stati sequestrati in relazione a una presunta frode fiscale per la quale è in corso il giudizio penale avanti al Tribunale di Urbino, mediante la presentazione di documentazione che, dagli accertamenti svolti dalla G. di F. di Urbino, risulterebbe non veritiero.
L’uomo, un imprenditore operante nel settore dell’abbigliamento, era stato oggetto di denuncia alla Procura di Urbino da parte della G. di F. feltresca in conseguenza dell’esecuzione di una verifica fiscale che aveva fatto emergere una consistente evasione tributaria che, secondo la tesi accusatoria, risultava superare le soglie di punibilità penale previste dalla legge. Il GIP del Tribunale di Urbino, accogliendo la richiesta inoltrata dalla Procura della Repubblica, aveva disposto il sequestro preventivo strumentale alla confisca di beni per un valore corrispondente al profitto dei reati tributari contestati ammontante a oltre 1.860.000 euro e rappresentato dalle imposte complessivamente evase dal contribuente.
Una volta eseguito dalla G. di F. il sequestro sui beni dell’imprenditore (tra cui auto e moto di grossa cilindrata) lo stesso, allo scopo di ottenere dal Giudice il dissequestro dei beni, risulta aver presentato allo stesso un’istanza allegando una missiva dell’Agenzia delle
Entrate in base alla quale l’amministrazione finanziaria avrebbe accolto una sua richiesta di rateizzazione nonché la quietanza di pagamento della prima rata del piano concordato con l’ufficio. Sulla base dei riscontri delegati dalla Procura di Urbino alla G. di F., finalizzati ad accertare la fondatezza della predetta istanza, sono emerse criticità tali da far ritenere che i due documenti non fossero veritieri. In particolare i finanzieri, effettuando riscontri incrociati con il competente ufficio dell’Agenzia delle Entrate, accertavano che, se da un lato l’imprenditore aveva realmente presentato una richiesta di rateizzazione all’Agenzia delle Entrate, dall’altro l’istanza risultava non essere in realtà stata accolta. Anche per la quietanza di pagamento risultava che la stessa non facesse riferimento alla rateizzazione bensì a debiti tributari, relativi ad annualità successive.
In conseguenza, l’imprenditore si è visto negare il dissequestro che aveva provato a ottenere ed è stato anche denunciato dalla Guardia di Finanza di Urbino all’Procura di Urbino che ha quindi provveduto a formulare per l’uomo richiesta di rinvio a giudizio per l’ipotesi di reato contestata.
Nell’attuale contesto emergenziale, i presidi di vigilanza attivati dalla Guardia di Finanza confermano il ruolo fondamentale di Forza di Polizia economico-finanziaria costantemente impegnata alla tutela dei cittadini onesti e al contrasto delle forme più insidiose di illegalità.

Condividi:
Copyright © 2021 - Aurora Sammartano

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.