Sanificazione strade, 6 Sindaci della Valcesano: “Non ci sono direttive ed evidenze scientifiche di benifici. Concentriamoci sulle buone pratiche”

Per contrastare la diffusione del Coronavirus, anche nella Valcesano alcuni cittadini stanno chiedendo che sulle strade vengano effettuati interventi di sanificazione e disinfezione. Il sindaco di Pergola Simona Guidarelli, di San Lorenzo Davide Dellonti, di Fratte Rosa Alessandro Avaltroni, di Mondavio Mirco Zenobi, di Monte Porzio Giovanni Breccia e San Costanzo Filippo Sorcinelli desiderano far chiarezza per dimostrare la massima trasparenza: «Sanificare le strade garantisce maggiore pulizia generale, ma non ha alcuna utilità nella lotta contro il coronavirus, non è di alcuna efficacia nella lotta al covid-19, non contribuisce a contenere i contagi ed evitarne la diffusione, come specificato anche da alcuni Comuni tra quelli che hanno provveduto all’intervento. La questione viene ribadita e scientificamente supportata da una nota ufficiale dell’Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale del Piemonte, oltre ad essere affermata da numerosi esperti del settore, virologi, biologi, epidemiologi. Si leggano ad esempio le dichiarazioni dell’immunologo Butini, vicesindaco di Jesi. Farlo potrebbe far stare più tranquilli alcuni cittadini, ma non produrrebbe un risultato concreto per la limitazione dei contagi. Per questo motivo i nostri Comuni, come tantissimi altri della provincia, non hanno provveduto a effettuare l’intervento». I sindaci spiegano quindi i motivi: «Se anche il virus fosse presente sull’asfalto o altra superficie di calpestio, non sono superfici che vengono a contatto con mani od occhi, difficilmente anche mediante contatto indiretto. Inoltre il contagio avviene prevalentemente tramite le vie aeree. Le strade sono continuamente contaminate dal passaggio e stazionamento di un numero imprecisato di soggetti, possibili portatori del virus. Dopo l’intervento, quanto durerebbe l’effetto? Sarebbe improponibile ripeterla spesso mentre verrebbero comunque contaminate nuovamente. Non lo dicono i sindaci, ma esperti del settore e della sanità pubblica. E’ molto più efficace sanificare le superfici con cui quotidianamente veniamo a contatto e gli ambienti che frequentiamo, oltre che lavare ripetutamente e per un tempo prolungato le mani. Da non dimenticare inoltre che da parte delle autorità sanitarie e preposte a gestire l’emergenza non è arrivata nessuna indicazione riguardo alla necessità di provvedere alla sanificazione delle strade. Per questi motivi e in seguito a valutazioni approfondite abbiamo scelto di non effettuare tale intervento, in quanto fermamente convinti che la migliore arma che al momento abbiamo in mano sia evitare i contatti con altre persone e uscire di casa solo per comprovati motivi e il tempo strettamente necessario».

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2020 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.