Turismo, stagione estiva nelle Marche inizierà il 29 maggio

“La stagione estiva nelle Marche iniziera’ il 29 maggio”. Lo ha detto l’assessore regionale al Turismo, Moreno Pieroni, nel corso del consiglio regionale odierno che sta discutendo, tra le altre cose, una serie di mozioni e risoluzioni a sostegno delle attivita’ economiche pesantemente danneggiate dall’emergenza Coronavirus. A cominciare proprio dal comparto turistico. “Stiamo discutendo in giunta per aprire la nostra stagione estiva tra il 29 maggio ed il primo giugno- dice Pieroni- e nella prossima giunta definiremo questo passaggio. La mia idea e’ quella di aprire il 29 maggio perche’ e’ venerdi’ e daremo la possibilita’ alle strutture di poter fruire del weekend collegato al ponte del 2 giugno. Nei prossimi giorni verranno effettuati tutti i controlli del caso sulla pulizia delle acque”. L’assessore Pieroni ha poi illustrato una serie di misure a cui sta lavorando l’amministrazione regionale condivise con oltre 40 associazioni di categoria. “Abbiamo presentato una exit strategy del comparto turistico prendendo atto di alcune proposte che provenivano direttamente dagli operatori- dice Pieroni-. Abbiamo creato un gruppo operativo, coordinato dal Rettore Gregori, per avanzare una serie di proposte. Abbiamo diviso la parte della promozione e quindi comunicazione da quella dell’accoglienza”. Sul fronte della promozione si e’ deciso di “rimodulare la comunicazione delle Marche indirizzandola nelle regioni piu’ congeniali per il nostro turismo, quelle piu’ attratte dalle bellezze marchigiane” in particolare nel periodo compreso tra “meta’ maggio a fine giugno”.(SEGUE)  Pieroni ha poi parlato di contributi a fondo perduto a sostegno dei tour operator che fanno attivita’ di incoming e, rispondendo ad un’interrogazione del consigliere Andrea Biancani (Pd), ha annunciato lo stanziamento di una cifra compresa tra i 250mila ed i 300mila euro. “Abbiamo anche pensato ad una misura per il settore dell’accoglienza- aggiunge Pieroni- nelle aree interne e nel cratere”. Anche sul fronte della sicurezza sanitaria delle strutture ricettive, alla luce dell’emergenza Coronavirus, l’assessore Pieroni ha annunciato provvedimenti. “Servono certezze per garantire la sicurezza sanitaria delle strutture- dice Pieroni-. Entro la meta’ di maggio verranno indicate le linee guida sulla sicurezza all’interno delle strutture turistiche. Domani si terra’ un confronto tra il settore turismo regionale con le associazioni di categoria. Collegato a questo discorso c’e’ poi una misura a cui stiamo lavorando per concedere un contributo a fondo perduto per le attrezzature della sanificazione”. Pieroni ha concluso sostenendo che per le misure a sostegno del turismo la Regione stanziera’ “una cifra intorno ai 20 milioni di euro” aggiungendo inoltre che sul fronte del Macerata Opera Festival allo Sferisterio e del Rof al teatro Rossini di Pesaro la Regione si sta confrontando con le due amministrazioni comunali “per capire come tenere in piedi questi due grandi eventi culturali, non sara’ semplice ma cercheremo di creare le giuste condizioni”.

TOUR OPERATOR MARCHE, STANZIAMO 300.000 EURO

“Pensiamo di prevedere uno stanziamento a fondo perduto nell’ordine di 250/300mila euro a sostegno dei tour operator che fanno incoming e del sistema delle agenzie”. Lo ha detto l’assessore regionale al Turismo delle Marche, Moreno Pieroni, rispondendo, nel corso della seduta odierna del consiglio regionale che si sta svolgendo in modalita’ telematica, ad un’interrogazione del consigliere Andrea Biancani (Pd). “Vogliamo aiutare queste attivita’ a superare il drammatico momento- continua Pieroni-. Oltre al contributo a fondo perduto pensiamo, a partire da settembre 2020, di sostenere queste attivita’ in un percorso di accompagnamento per favorire la partecipazione a Fiere ed altre iniziative. I tour operator hanno un fatturato di circa 20 milioni di euro e fanno incoming per un 40/45% delle presenze dei turisti nelle Marche”. Rispondendo ad un’altra interrogazione del consigliere Boris Rapa (Uniti per le Marche) invece Pieroni ha parlato anche dei protocolli da definire con le categorie per garantire la sicurezza sanitaria delle strutture ricettive. “Per le strutture che si occupano di accoglienza dare certezze da un punto di vista sanitario significa avere un’ulteriore opportunita’ di presentare la propria offerta turistica- continua Pieroni-. La nostra idea e’ di anticipare le iniziative del Governo, perche’ temiamo possano arrivare in ritardo, definendo delle linee guida da attuare con un protocollo sanitario. In tal senso i funzionari del turismo si stanno confrontando con i funzionari della sanita’: domani presentiamo le linee guida alle associazioni di categoria per poi concludere il percorso tra il 10 e 15 maggio. Cosi’ che poi possiamo mettere in mano ai titolari delle strutture questo Protocollo sanitario”.

 

Agenzia Dire

Condividi:
Copyright © 2020 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.