Guardia di finanza, controlli serrati su norme anti contagio. E c’è anche chi non conosce il Coronavirus

Nel corso dell’ultimo weekend i finanzieri del Comando Provinciale di Pesaro sono stati particolarmente impegnati nelle attività di vigilanza, richieste dall’Autorità di Governo, sul rispetto da parte della cittadinanza delle recenti disposizioni sul contenimento del
Coronavirus.
Nel corso delle attività di servizio, i militari hanno avuto modo di notare che la gran parte della popolazione è risultata rispettosa dell’osservanza del periodo di rigorose limitazioni imposte dall’emergenza: nonostante ciò, sono dovuti, comunque, intervenire per interrompere le disinvolte condotte di 8 cittadini, tra cui anche una minorenne, che, tra sabato e domenica, avevano ritenuto opportuno fare visita a parenti e amici o effettuare viaggi di piacere tra i principali comuni del territorio.
Teatro principale delle “passeggiate” è stata la città di Fano dove le Fiamme Gialle hanno pizzicato in stazione due uomini residenti nella provincia di Pesaro-Urbino e una ragazza di 17 anni, i quali, a bordo di un’autovettura, attendevano la madre di lei, proveniente dalla Lombardia, in arrivo con il treno per far visita alla figlia.
Non è mancato chi ha cercato di sviare i controlli fornendo informazioni scorrette: trovato alla fermata dell’autobus e proveniente dal comune di Vallefoglia, un uomo ha giustificato l’arrivo a Fano con presunti motivi di lavoro. Un immediato controllo ha però consentito ai militari di accertare come l’uomo lavorasse in realtà a Pesaro, come dipendente di una cooperativa sociale.
Ancora, è stato controllato e rimandato a casa un sedicente “sportivo”, trovato a percorrere in bicicletta la SS16, proveniente da Fano e diretto a Pesaro, suo luogo di residenza, che non forniva ai militari nessuna giustificazione.
In ultimo, da menzionare l’episodio di un automobilista, evidentemente molto distratto rispetto al grave periodo in corso, che, fermato mentre percorreva la strada Panoramica “Ardizio” da Fano verso Pesaro, ha dichiarato di essersi recato a far visita al fratello, non riuscendo a capacitarsi di aver fatto qualcosa di vietato.
Anche in questo momento storico si conferma l’impegno ed il ruolo della Guardia di Finanza nel territorio pesarese quale punto di riferimento al servizio dei cittadini per la salvaguardia della sicurezza pubblica orientata al rispetto ed all’osservanza delle norme per
la tutela della salute individuale e collettiva.

(comunicato rettificato ore 14.00)

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2020 - Aurora Sammartano

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.