Torna il Palio delle Contrade 2021 con un ricco un programma

Il 17 e 18 luglio 2021, grazie a “La Pandolfaccia”, il Palio delle Contrade tornerà a vivere a Fano grazie al programma delle “Serate medievali”, ridando lustro a due luoghi-simbolo come piazza XX settembre e la Corte malatestiana.

Se negli scorsi anni abbiamo assistito a una sorta di ripopolamento della Rocca, in cui giustamente venivano collocate le sfide tra i quartieri della città, in quest’edizione si tornerà in un contesto certamente più nobile.

A dare avvio a questo weekend in chiave rievocativa sarà l’evento di venerdì 16 luglio, alle ore 21:15 presso la Corte malatestiana, organizzato da “Impronte Femminili” in collaborazione con l’Assessorato del Comune di Fano per le Pari Opportunità, dal titolo Concerto segreto delle Dame.

Musiciste selvagge nel tardo Rinascimento, in cui il Gruppo storico “La Pandolfaccia” parteciperà a pieno titolo in qualità di tableau vivant. Se il sabato sera sarà la giornata dedicata ai festeggiamenti, la domenica saranno invece rivissuti gli spettacoli a corte. In entrambe le giornate, alle ore 21, in piazza, si potrà assistere prima ad un gran consesso di esibizioni di giullari, falconieri, giocolieri, artisti vari e, la sera seguente, proseguiranno gli spettacoli con performance di bandiera, giocoleria e non solo, per un intrattenimento rivolto a tutte le età. Contemporaneamente, all’interno della Corte malatestiana, sarà allestito un autentico spaccato medievale, in una ricostruzione rigorosamente filologica in collaborazione anche con il gruppo “In itinere. Musica medievale”, che aprirà le porte dalle ore 19 alle 24, con la possibilità di continuare il viaggio nella storia visitando il Museo cittadino, previo acquisto del biglietto. In questo contesto, si assisterà anche a un laboratorio di ceramiche antiche curato da Laura Lippera.

“Grazie all’impegno del Gruppo storico La Pandolfaccia sosteniamo una realtà storica cittadina. Eventi come questi ci caratterizzano, rendendo la nostra proposta unica e

Tutti gli eventi sono rigorosamente gratuiti, ma con necessità di prenotazione obbligatoria accedendo tramite il sito www.paliodellecontradefano.it o direttamente su www.liveticket.it/paliodellecontrade.

E andrà in scena il 16 luglio alle 21,15 alla Corte Malatestiana la spettacolo “Concerto segreto delle Dame. Musiciste selvagge nel tardo rinascimento”. Una performance lirico-letteraria supportata dalla rassegna “Impronte Femminili” con la collaborazione de “La Pandolfaccia”.

 

Al centro ci sarà il talento di un consesso di musiciste formato da Margherita Gonzaga d’Este,  Laura Peperara, Anna Guarini e Livia D’Arco, che eseguiva concerti nella corte di Alfonso II d’Este a Ferrara nel secondo Cinquecento. Le dame vennero travolte dal successo e rimasero vittime degli intrighi di Corte in un tourbillon di emozioni e tradimenti. Verrà riproposto l’ultimo giorno di Anna Guarini, figlia del poeta Giambattista Guarini e una delle più famose cantanti in epoca rinascimentale, che fu uccisa in modo barbaro. A fare da sfondo la Corte Malatestiana che verrà trasformata nella Corte estense dell’ultima parte del ‘500 con musiche, danze costumi e personaggi di quel periodo.

“Uno spettacolo – spiega l’assessore alla Pari Opportunità Sara Cucchiarini – che abbiamo ideato insieme a Giovanna Donini da cui è nata questa idea con l’associazione ‘Libraria’, il laboratorio della lettura e l’associazione ‘Pandolfaccia’. Una performance lirico-letteraria intorno al tema al ‘Concerto segreto delle Dame’: un quartetto di musiciste e cantanti realmente esistito nel tardo rinascimento nella Corte estense. Una storia appassionata che si conclude con un tremendo femminicidio che rende la trama vivace e coinvolgente. A fare la differenza sarà anche la location, visto che la Corte Malatestiana verrà adibita secondo i canoni del rinascimento e i tableau vivant di corte grazie alla Pandolfaccia”.

“Io sarò Anna Guarini – chiosa Giovanna Donini, soprano e ideatrice dello spettacolo -, Anna Zanotti sarà Laura Peperara, Caterina Veddovi vestirà i panni di Livia D’Arco, Laura Valentini il cembalo, Enrico Spelta voce recitante che sarà Alfondo d’Este, la Pandolfaccia interpreterà i tableau vivant di corte, con i testi redatti da Antonio Gabbiani. Abbiamo preso la vita di queste dame, intrecciandole con gli intrighi di corte. L’attenzione è ricaduta su queste donne che si sono spese per l’arte e le se sono state troncate le ali perché era consuetudine del tempo che ad un certo punto facessero tanti figli. Questo limite si intreccia con i temi ricercati da Impronte Femminili”.

L’ingresso è gratuito, la prenotazione è obbligatoria. Per info e contatti 0721887337 oppure inviando una mail a [email protected] o [email protected]

Condividi:
Copyright © 2021 - Aurora Sammartano

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.