Con un dito rotto rimane in porta e para un rigore, la bella storia di Gianluca Bonci della Junior Pergolese
Questa storia potrebbe essere raccolta in un libro dedicato ai portieri, i #Numeri1 ma anche i #12, quelli che non corrono tanto ma che debbono avere sempre le spalle larghe perché quando gli avversari segnano, bhè, la colpa è sempre un pò la loro.
Bonci Gianluca classe 2002, da sempre tesserato J.Pergolese, terzo portiere della prima squadra che milita nella 3°categoria della Lega Nazionale Dilettanti ma “Numero 1” della Juniores U19.
Partita valida per il campionato provinciale, fuori casa in quel di Sassocorvaro.
Siamo nel secondo tempo, il risultato è fermo sullo 0-2 per la squadra ospite.
Baruffa in area, tiro, Bonci si tuffa, parata ma… un giocatore avversario calpesta malauguratamente la sua mano destra.   Dolore, tanto dolore, come si suol dire da far vedere le stelle.
L’arbitro ferma la partita per fare entrare il dirigente, ghiaccio spray che si spera faccia il miracolo, il Mister chiede se vuol essere sostituito ma Gianluca, oramai da dieci anni tra i pali spera che si tratti solo di una contusione.  Cosa fare? Via il guanto destro e un giro di nastro telato a tener ferme due dita, denti stretti e si continua.
Ancora tanti secondi prima della fine del match, sembrano ore, un altro tiro e un’altra parata… il dolore aumenta ma l’adrenalina di essere il Numero 1 ha il sopravvento.
Attimi concitati, l’arbitro fischia, rigore per l’Avis Sassocorvaro.   Gianluca non molla e viene ripagato: parata!
Tutti esultano, mister, dirigenti, genitori e tutta la squadra si stringe attorno al Numero 1 che non è solo una scritta su una maglia.
E’ un simbolo per chi come il nostro Gianluca ha sempre inseguito il sogno del giocatore di calcio, ha scelto la strada più in salita, quella dell’estremo difensore, ha scelto di allenarsi spesso in solitudine, quello sempre con la maglia del colore diverso, subito dimenticato per una parata non come l’attaccante che segna un goal.
Gianluca è uscito dal campo da leone ma con un dito rotto: frattura scomposta articolata del 5° metatarso destro, subito operato avrà bisogno di 150 giorni per recuperare.   Ora la sfida più dura: la scuola, la riabilitazione, gli allenamenti senza poter parare e dover rimanere lontano dalle partite del campionato seduto in tribuna ma sempre con i suoi amici di squadra, amici di una vita.
Tutta la Società Junior Pergolese augura al giovane Gianluca una pronta guarigione ed un grosso in bocca al lupo… aspettandolo  per un rientro in porta ancora più carico con la grinta di sempre.
CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2019 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.