Come valutare una casa? Da Abbondanzieri e Machì le dritte per iniziare al meglio il 2020, acquistando la casa dei sogni

Grazie all’aiuto dei broker manager immobiliari Giovanna Machì e Claudio Abbondanzieri dell’agenzia Remax Orizzonti Fano vogliamo svelare ai lettori di Oltrefano.it alcune dritte per trovare la casa dei propri sogni all’inizio di questo 2020.

1) E’ vero che i primi due aspetti da considerare per valutare una casa sono la dimensione e la posizione?

Certamente queste sono due caratteristiche molto importanti per chi si approccia alla ricerca della propria futura abitazione. Dentro queste due caratteristiche si racchiudono molte delle necessità di chi ricerca casa; le dimensioni sono proporzionali al nucleo familiare e alle esigenze relative. La posizione il più delle volte è scelta sulla base delle esigenze, scuole, lavoro, centri commerciali, tranquillità, ecc. Non possiamo però nascondere che il tutto poi deve allinearsi anche all’aspetto economico.

2) Le caratteristiche dell’edificio in cui si trova l’appartamento sono fondamentali, ovvero le case con oltre venti-trent’anni di vita, a meno che non siano state completamente ristrutturate, hanno un valore ridotto?

Nella valutazione di un acquisto immobiliare le caratteristiche tecniche hanno un peso rilevante, logicamente più è recente l’immobile e meno dovrebbero essere le spese di sistemazione. Anche qui però è tutto molto soggettivo, ci sono appartamenti semi-nuovi che vengono completamente cambiati perché non piace il materiale usato o perché ci sono esigenze diverse. Appartamenti di venti-trent’anni di vita, pur essendo a tutti gli effetti abitabili, hanno chiaramente materiali e tecnologie non attuali. In questo ultimo decennio si è lavorato molto sul concetto di risparmio energetico e questo ha sensibilmente cambiato le tecnologie e i materiali usati.

3) Anche lo stato di manutenzione del condominio è uno dei fattori che può fare guadagnare (o perdere) appeal?

Il contesto condominiale ha un’importanza rilevante nella scelta di un immobile da acquistare. Certamente chiunque si approccia all’acquisto vorrebbe avere il massimo dell’indipendenza, ma non sempre è possibile far coincidere questo tipo di esigenza con l’aspetto economico e di offerta del mercato. Pertanto il dovere accettare una situazione condominiale deve essere accompagnato da una situazione generale dello stesso più ottimale possibile. Molte delle domande che ci vengono fatte dai potenziali acquirenti, in strutture condominiali, sono relative a eventuali lavori di ristrutturazione previsti, costi mensili di gestione e molte volte anche su chi abita all’interno del condominio. Negli ultimi anni molti condomini, approfittando delle agevolazioni fiscali, hanno ristrutturato le facciate e gli interni, cosa molto positiva per chi vuole acquistare immobili in condominio.

4) E’ importante il contesto ambientale in cui si inserisce l’edificio? Ad esempio il rumore circostante può diventare un problema?

Anche il contesto ambientale è tenuto molto in considerazione da chi si appresta ad acquistare una casa, d’altronde la vivibilità dell’immobile è anche frutto del contesto generale dove è ubicato. Sicuramente una posizione vicino alla ferrovia, o adiacente alle zone di massimo traffico, può comportare un valido motivo per non prendere in considerazione l’abitazione. Oggi fortunatamente, anche i materiali e la tecnologia vengono in aiuto nel proteggere la vivibilità da rumori esterni o esposizioni climatiche non ottimali.

5) Il piano su cui si trova l’appartamento, esposizione su due o più lati, riscaldamento autonomo o centralizzato sono ancora fattori discriminanti?

In questo caso la soggettività di chi ricerca l’immobile è molto vasta ed è difficile dare degli standard assoluti. Sicuramente c’è una sensibilità maggiore sugli aspetti energetici, perciò un’ottima esposizione, o una prestazione energetica elevata influenzano le scelte degli acquirenti; piani alti senza ascensore hanno meno possibilità di essere commercializzati. Anche le caratteristiche dell’impianto di riscaldamento sono importanti per la scelta della futura casa: teniamo comunque conto che con le nuove normative e tecnologie, la differenza tra impianto di riscaldamento autonomo o centralizzato sono quasi azzerate. Anche immobili con impianti centralizzati più datati, grazie al sistema del controllo dei consumi, non sono penalizzati perché c’è la possibilità di pagare in base al reale utilizzo dell’impianto. E’ logico che più sono gli aspetti “ottimali” e più è interessante e veloce la scelta di acquisto.

6) I due “accessori” box e terrazzo fanno aumentare il valore della casa?

Sicuramente sì, oggi con la diminuzione dei prezzi di acquisto sono cambiate anche le esigenze dei potenziali acquirenti. Quando i prezzi di mercato erano alti, si rinunciava più facilmente agli accessori dell’immobile, vista la notevole incidenza economica che avevano. Oggi vediamo che anche gli accessori garage, più che terrazzo o scoperto esterno, stanno diventando elementi essenziali per scegliere l’immobile da acquistare.

7) Tante variabili entrano in gioco quando decidiamo di acquistare un immobile: come facciamo a destreggiarci nella giungla immobiliare? Dateci un consiglio su come fiutare un affare.

Il primo consiglio che possiamo dare è quello di affidarsi a un agente immobiliare qualificato che possa aiutare l’acquirente a districarsi nella giungla delle proposte immobiliari e soprattutto nella verifica di quelle parti tecniche che oggi sono diventate essenziali nella fase di compravendita. Un servizio che Remax Orizzonti offre è l’incarico di acquisto, ovvero il cliente acquirente ci affida l’incarico in esclusiva, per tre/quattro mesi, di procedere alla selezione sul mercato di immobili che possono essere di loro gradimento, attraverso l’analisi degli annunci sulle piattaforme digitali, sulle offerte di altre agenzie immobiliari, sul mercato del privato o dei costruttori. L’analisi viene condivisa con gli acquirenti, si selezionano le offerte più consone e si organizzano le relative visite. Questo metodo garantisce visite mirate, di avere un continuo report dal proprio agente immobiliare e soprattutto di eliminare le perdite di tempo caratteristiche della ricerca tradizionale. E’ proprio affidandosi a un professionista serio e qualificato che si possono fare dei buoni affari.

Condividi:
Copyright © 2020 - Aurora Sammartano

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.