A Terra Madre Salone del Gusto in vetrina la fava di Fratte Rosa Presidio Slow Food

A Terra Madre Salone del Gusto ha debuttato il primo presidio Slow Food della provincia di Pesaro e Urbino: la fava di Fratte Rosa. Un palcoscenico prestigioso, quello torinese, per far conoscere questa specialità: una varietà di fava autoctona, coltivata in un particolare tipo di terreno argilloso e ricco di calcare, detto “Lubaco”, presente nel territorio frattese. L’importante obiettivo, dopo 18 anni di impegno, è stato raggiunto lo scorso maggio grazie al grande lavoro di squadra tra l’amministrazione comunale e l’associazione Favetta di Fratte Rosa. I presìdi sostengono le piccole produzioni tradizionali che rischiano di scomparire, valorizzano territori, recuperano antichi mestieri e tecniche di lavorazione, salvano dall’estinzione razze autoctone e varietà di ortaggi e frutta. L’associazione è salita a Torino dove durante i cinque giorni della manifestazione organizzata da Slow Food ha fatto conoscere questa eccellenza, i vari prodotti e le aziende, gli agricoltori custodi che fanno parte del presidio. Non è voluto mancare nemmeno il sindaco Alessandro Avaltroni che tanto si è speso per il progetto. Un debutto davanti al grande pubblico molto positivo, come sottolinea il presidente Rodolfo Rosatelli: «Siamo orgogliosi per aver rappresentato il territorio della provincia di Pesaro e Urbino in una manifestazione così prestigiosa. Nel nostro stand abbiamo presentato e fatto conoscere il presidio e i vari prodotti, come la farina, fave secche e sottolio, i tacconi, il pane e la crescia sfogliata. Il bilancio è senz’altro positivo. C’è stato grande interesse per la nostra fava da parte di albergatori, ristoratori e commercianti. Stiamo raccogliendo i frutti di tanto e impegno e rilevanti sacrifici. Una bella risposta che assume ancora più valore considerando che eravamo al debutto e che nel nord Italia la fava si usa poco». E’ stata l’occasione anche per far degustare alcuni prodotti, come la crescia sfogliata con farina di fave, e per proporre degustazioni con oli. «Una bella vetrina – conclude Rosatelli – per il nostro territorio e per i nostri prodotti. La preziosa opportunità anche per farne assaggiare alcuni, come la crescia sfogliata creata con la collaborazione dell’azienda ‘La baciocca’ di Urbino. La partecipazione al Salone del Gusto ha dato grande visibilità al prodotto anche sui più importanti media nazionali. Siamo davvero soddisfatti di questa esperienza».

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2018 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.