Dal carrello della spesa sospeso alle opere d’arte: tante le iniziative nella Valcesano per l’emergenza Coronavirus

Dal carrello sospeso alle opere d’arte messe in palio: si moltiplicano anche nei comuni tra la valle del Cesano e la Valmetauro progetti ed iniziative di solidarietà per aiutare chi più ha bisogno e sostenere le strutture ospedaliere in questo periodo di emergenza. A Mondolfo è nato il ‘Carrello sospeso’: una nuova e lodevole iniziativa per aiutare le famiglie con disagi economici. A promuoverla la Caritas di Mondolfo e le parrocchie di Mondolfo e Ponte Rio. «Sono tante le famiglie che purtroppo hanno difficoltà ad acquistare cibo e beni di primissima necessità. Ed ecco – spiegano i promotori – che è stato istituito il ‘Carrello Sospeso’, dove ognuno quando si reca a fare la spesa, può acquistare qualcosa per chi non riesce, e lasciarlo nel carrello. I punti vendita che aderiscono sono:
Si con te Supermercati; supermercato Famila di Centocroci di Mondolfo; alimentari di Filippetti Ilario». Sempre di più le famiglie che si trovano in difficoltà: «A causa della situazione odierna, le richieste sono notevolmente aumentate nel nostro sportello Caritas, e i nostri magazzini non riescono a rispondere, al numero crescente delle richieste». Crescono le richieste ma al contempo, fortunatamente cresce anche la solidarietà. L’azienda Sarni, ad esempio, ha donato beni deperibili alla Caritas di Mondolfo. I volontari della protezione civile Faà di Bruno si sono immediatamente attivati per la distribuzione per aiutare chi ha bisogno. «Noi volontari della Caritas parrocchiale desideriamo esprimere un ringraziamento alla Protezione civile per il grande esempio di fratellanza e spirito di solidarietà per tutte le persone del nostro territorio». Tanti i servizi portati avanti dalla Protezione civile, tra cui quello per le persone in quarantena domiciliare e che non dispongono di aiuti familiari o extra familiari che necessitano di ricevere assistenza a domicilio per beni di prima necessità e medicinali. E’ attivo il numero 338.6750743, operativo da lunedì a domenica dalle 8 alle 20. Anche dal mondo sportivo arrivano iniziative di beneficenza. A pochi giorni di distanza dall’annullamento ufficiale della ColleMar-athon da Barchi a Fano, il comitato organizzatore, spinto da diversi podisti della zona appartenenti a molte associazioni locali, ha deciso di dare la possibilità a tutti coloro che si erano già iscritti di devolvere la quota in favore della Regione Marche per la realizzazione del nuovo polo ospedaliero temporaneo, confermandosi anche a corsa annullata, la Maratona dei Valori. Per i circa 500 runner già iscritti basterà inviare una mail a [email protected] per specificare se l’importo già pagato dovrà essere versato da parte degli organizzatori nell’apposito conto corrente per la realizzazione del nuovo ospedale. Batte forte pure il cuore delle associazioni culturali. La ProArt di Terre Roveresche ha promosso una iniziativa a livello nazionale che consiste nel cedere a titolo gratuito opere d’arte realizzate dagli artisti dell’associazione e non solo. Saranno messe in palio tra tutti coloro che faranno un bonifico di importo di almeno 30 euro a favore della Regione o della Protzione civile. Info: proartepiagge.it.

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2020 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.