Fano, minacce e insulti alla nonna. Nei guai 30enne fanese

I carabinieri della stazione di Fano hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di G.P. 30enne, nato a Bergamo e residente a Fano, responsabile di ripetute violazioni alla misura di  divieto di avvicinamento alla nonna 80enne.

 

Il nipote, nel tempo, aveva imposto alla nonna di parcheggiare la moto nel garage della sua abitazione nonché la presenza di due cani di grossa taglia, il tutto in un clima di terrore e intimidazione. La donna si era rivolta ai carabinieri e aveva ottenuto un primo provvedimento di divieto di avvicinamento.

 

Il provvedimento, eseguito il 13 agosto scorso, purtroppo, non ha sortito gli effetti sperati. In pratica il 30enne, ancor più minaccioso, si è recato più volte nella dimora della nonna urlandole epiteti offensivi e intimandole di ritirare la denuncia e di pagargli la parcella dell’avvocato.

 

Il pubblico ministero, raccolte le ulteriori segnalazioni, ha richiesto l’aggravamento della misura e il GIP, costatata la sistematica violazione della misura precedentemente emessa, nei fatti dimostratasi inadeguata, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari.

 

Misura prontamente eseguita dai carabinieri di Fano che, dopo aver individuato e sottoposto a fotosegnalamento l’indagato, lo hanno condotto nella sua dimora con il vincolo di non allontanarsi.

Condividi:
Copyright © 2016 - Aurora Sammartano

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.