Parte la stagione di prosa nei Teatri d’Autore della provincia: date e spettacoli

Quello dei Teatri Storici marchigiani è un patrimonio veramente unico, che non ha eguali in Italia, in Europa e nel mondo, ma che ancora è troppo poco conosciuto anche nel nostro stesso territorio. Una delle più esclusive espressioni della Grande Bellezza del nostro Paese firmata da illustri pittori, decoratori e scenografi. Una straordinaria ricchezza: tutta nostra e tutta da scoprire e che, non a caso, il FAI – Fondo Ambiente Italiano ha inserito, fin già dalla passata edizione, tra le sue mete turistico-culturali d’eccellenza .

Sei di questi magnifici Teatri d’Autore sono nel nostro territorio e costituisco la Rete teatrale della provincia di Pesaro e Urbino: il Teatro Comunale di Gradara, il Battelli di Macerata Feltria, l’Apollo di Mondavio, il Teatro della Concordia di San Costanzo, il Tiberini di San Lorenzo in Campo, il Teatro Bramante di Urbania.

Adamo-e-Deva

In questi sei teatri – grazie al sostegno di Regione Marche, dei Comuni della Rete, del Mibact e di Amat con il patrocinio di Provincia di Pesaro e Urbino e la collaborazione di tipico.tips -, si svolge, da giovedì 12 gennaio a sabato 8 aprile 2017 la nuova Stagione di Prosa della provincia di Pesaro e Urbino: 21 differenti, buone occasioni per gustare ottimi spettacoli in splendide “dimore d’arte”.

Una Stagione preziosa e pensata appositamente per questi preziosi luoghi. Una stagione anch’essa “d’Autore” visto che molti degli spettacoli in programma portano la firma di celebri “penne” letterarie come Giovani Boccaccio, Ludovico Ariosto, Torquato Tasso, Alessandro Manzoni, Giovanni Verga, Eduardo Scarpetta, Luigi Pirandello, Bertolt Brecht fino ai drammaturghi contemporanei Gianni Clementi, Francesco Niccolini, Francesco Freyrie e Andrea Zalone.

Noti protagonisti della scena nazionale affiancano giovani interpreti (fra cui molti talenti marchigiani) in una caleidoscopica offerta di proposte che attraversa i più diversi generi teatrali.

Il mercante di monologhi

Dalla popolare COMMEDIA DELL’ARTE (Arlecchino servitore di due padroni con la compagnia di David Anzalone, in arte Zanza, diretta da Carlo Boso, Frizzi e lazzi. Un viaggio in maschera assieme a Tommaso Cocon, Marco Corsucci, Eleonora Gambini e Lucia LeonardiLa pazzia di Isabella. Vita e morte dei comici gelosi con Elena Bucci e Marco Sgrosso), all’emozionante TEATRO CIVILE (Mattei di e con Giorgio Felicetti); dall’irresistibile COMICITA’ della storica rassegna ScenaRidens (Perfide per un anno di e con Romina Antonelli e Clementina Scudiero, Il sol ci ha dato alla testa con la Rimbamband, L’Onironauta di e con Filippo Brunetti, La ragazza con la valigia di Paola Minaccioni) o del Mercante di monologhi di Matthias Martelli, al TEATRO DI POESIA (A quelli nati dopo di noi. Versi e pensieri di Bertolt Brecht di e con Federico Paino, Non appartengo a un solo cielo di e con Lella De Marchi, Dona Ruy e GGG Tartaglia); dalla divertente COMMEDIA BRILLANTE di eri e di oggi (Miseria e nobiltà diretta da Michele Sinisi, Adamo e Deva con Vito e Claudia Penoni, Finché vita non ci separi, con Giorgia Trasselli e Enzo Casertano), ai CLASSICI immortali della letteratura (Decameron con Tullio Solenghi, Il furioso Orlando, Storia d’Amore e di Follia con Giuseppe Esposto e Jessica Tonelli, Storia della colonna infame con Silvio Castiglioni, Il povero e il ricco. Storie di Mazzarò e Ciàula, con Giuseppe Esposto e Raffaele Damen, Aminta, Concerto per strumenti canto e voci recitanti diretto da Pietro Conversano).

Raddoppia l’offerta del progetto speciale A tempo d’Opera. Il gusto del melodramma.

Grazie alla collaborazione con International Opera Studio di Inga Balabanova, accanto alla riproposta di La favola Orfeo ed Euridice da Gluck, già rappresentata con ottimo successo durante la passata Stagione, il programma propone il concerto in forma scenica per strumenti, canto e voci recitanti de I Capuleti e i Montecchi, musiche di Vincenzo Bellini su libretto di Felice Romani. Come sempre (e come “a tempo d’opera”, appunto) prima degli spettacoli, Buffet di Stagione servito nei foyer .

 

Ai più giovani spettatori è rivolto, anche quest’anno, il progetto di formazione teatrale Scuola di Platea© che accompagna gli studenti delle Scuole Superiori del territorio provinciale alla visione “guidata” degli spettacoli in programma, tramite incontri con le compagnie, e lezioni di studiosi ed esperti. All’edizione di Scuola di Platea 2016-’17 hanno aderito il Liceo Nolfi di Fano, il Liceo Torelli (sede di Pergola), l’Istituto Bramante-Genga, il Liceo Mamiani e il Liceo Marconi di Pesaro.

Si inaugura, inoltre, quest’anno, una interessante collaborazione con l’Istituto d’Istruzione Superiore Raffaello, di Urbino per un progetto di alternanza scuola-lavoro che vedrà coinvolti alcuni studenti della stessa scuola nelle vesti di speciali “guide” turistiche, che illustreranno agli spettatori, prima dell’inizio di alcuni spettacoli in programma, storia, leggende e curiosità di alcuni dei nostri teatri storici.

Non mancheranno le apprezzate degustazioni a base di prodotti tipici locali allestite nei foyer dei teatri che consentono, anche agli spettatori che vengono dalla costa, di cenare direttamente a teatro per poi godersi gli spettacoli. E molte altre sorprese d’Autore, vi aspettano.

___________________________________________________________________________________________

 

INFO:

Rete Teatrale della provincia di Pesaro e Urbino

via Mazzolari 4, Pesaro tel. 0721 3592515, cell. 366 6305500  

www.amat.marche.it   [email protected]

 

BIGLIETTI

Settore A (platea e palchi centrali)     intero Є 15, ridotto Є 12

Settore B (palchi laterali e loggione) intero Є 10,  ridotto Є  8

                                                             

ABBONAMENTI A CARNET

Abbonamento per gli spettacoli di un unico teatro oppure, a scelta, fra tutti quelli proposti dalla Stagione della Rete

 

Abbonamento a 3 spettacoli

Settore A (platea e palchi centrali)    intero     Є 42, ridotto    Є 33

Settore B (palchi laterali e loggione) intero     Є 27, ridotto    Є 21

 

Abbonamento a 4 spettacoli

Settore A (platea e palchi centrali)    intero     Є 52, ridotto    Є 40

Settore B (palchi laterali e loggione) intero     Є 32, ridotto    Є 24

 

Abbonamento a 5 spettacoli

Settore A (platea e palchi centrali)    intero     Є 65, ridotto    Є 50

Settore B (palchi laterali e loggione) intero     Є 40, ridotto    Є 30

 

Hanno diritto alla riduzione gli spettatori fino a 25 anni e oltre i 65 anni, i possessori della Amato abbonato Card, della Tessera Plus Rete Servizi Bibliotecari di Pesaro e Urbino e convenzionati vari

 

Biglietti e abbonamenti potranno essere acquistati:

– in prevendita (con maggiorazione di € 1.00):

Biglietteria Tipico.tips v. Rossini, 41, Pesaro, tel. 0721 359 2501

orario: da martedì a sabato, 10.00-13.00 e 16.30-19.30

biglietteria Teatro Rossini, P.zza Lazzarini1, Pesaro tel. 0721 387621

orario: da mercoledì a sabato dalle 17.00 alle 19.30

biglietteria Teatro della Fortuna, P.zza XX Settembre 1, Fano, tel. 0721 800750

orario: da mercoledì a sabato dalle 17.30 alle 19.30 mercoledì e sabato anche 10.30-12.30

E IN TUTTI I TEATRI DELO CIRCUITO AMAT

– il giorno stesso dello spettacolo

nelle biglietterie di ogni singolo Teatro, dalle ore 19.00.

VENDITA ON LINE: www.vivaticket.it 

 

Stagione di Prosa

nei Teatri storici della provincia di Pesaro e Urbino 2016-17

Gradara Teatro Comunale  Macerata Feltria Teatro Battelli  Mondavio Teatro Apollo

San Costanzo Teatro della Concordia   San Lorenzo In Campo Teatro Tiberini  Urbania Teatro Bramante

 

 

Regione Marche

Amat

Provincia di Pesaro e Urbino

 

MIBACT

 

Comuni di

Gradara

Macerata Feltria

Mondavio

San Costanzo

San Lorenzo in Campo

Urbania


 

TEATRI D’AUTORE 2016-’17 – CALENDARIO

 

giovedì 12 gennaio 2017, ore 20.15, replica ore 21.30

Mondavio, Teatro Apollo

IL FURIOSO ORLANDO. Storia d’amore e di follia

da Ludovico Ariosto

con GIUSEPPE ESPOSTO e JESSICA TONELLI

regia Cristian Della Chiara e Ciro Limone

 

sabato 14 gennaio 2017, ore 21.15

Macerata Feltria, Teatro Battelli

ADAMO E DEVA

di Francesco Freyrie e Andrea Zalone

con VITO e CLAUDIA PENONI

regia Daniele Sala

 

giovedì 19 gennaio 2017, ore 21.15

San Lorenzo in Campo, Teatro Tiberini

IL POVERO, IL RICCO. Storie di Mazzarò e Ciàula

da La roba di Giovanni Verga e Ciàula scopre la luna di Luigi Pirandello

con GIUSEPPE ESPOSTO

e la partecipazione di RAFFAELE DAMEN, fisarmonica

 

sabato 21 gennaio  2017, ore 21.15

San Costanzo, Teatro della Concordia SCENARIDENS

PERFIDE PER UN ANNO

di e con ROMINA ANTONELLI e CLEMENTINA SCUDIERO

regia Oscar Genovese

 

giovedì 26 gennaio 2017, ore 21.15

Gradara, Teatro Comunale

A QUELLI NATI DOPO DI NOI”. Versi e pensieri di Bertolt Brecht

di e con FEDERICO PAINO

 

venerdì 3 febbraio 2017, ore 21.15

Urbania, Teatro Bramante

MISERIA&NOBILTÀ

dal testo di Eduardo Scarpetta

scritto da Michele Sinisi con Francesco M. Asselta

con (in ordine alfabetico): DILETTA ACQUAVIVA, STEFANO BRASCHI, GIANNI D’ADDARIO, GIANLUCA DELLE FONTANE, GIULIA EUGENI, FRANCESCA GABUCCI, CIRO MASELLA, STEFANIA MEDRI, GIUDITTA MINGUCCI, DONATO PATERNOSTER, MICHELE SINISI

regia Michele Sinisi

 

mercoledì 8 febbraio 2017, ore 21.15

Macerata Feltria, Teatro Battelli

ARLECCHINO SERVITORE DI DUE PADRONI

soggetto David Anzalone, Michele Pagliaroni

con DAVID ANZALONE, FRANCESCA BERARDI , MARCO CHIARABINI, ERIKA GIACALONE, TEO GUARINI, ANDREA MILANO, MICHELE PAGLIARONI, ARIANNA PRIMAVERA, GUIDO TARGETTI

regia e drammaturgia Carlo Boso

produzione Centro Teatrale Senigalliese, Comune di Senigallia

 

giovedì 9 febbraio 2017, ore 21.15

Gradara, Teatro Comunale

STORIA DELLA COLONNA INFAME

da Alessandro Manzoni

con Silvio Castiglioni

e la partecipazione di Giorgia Galanti

regia Giovanni Guerrieri

 

 


venerdì 10 febbraio 2017, ore 21.15

Mondavio, Teatro Apollo

FRIZZI E LAZZI. Un viaggio in maschera nella Commedia dell’Arte

di e con TOMMASO COCON, MARCO CORSUCCI, ELEONORA GAMBINI, LUCIA LEONARDI

e con GIULIA STRIGLIO musico

 

sabato 11 febbraio 2017, ore 21.15

San Costanzo, Teatro della Concordia SCENARIDENS

IL SOL CI HA DATO ALLA TESTA

di e con RIMBAMBAND:

RAFFAELLO TULLO voce e percussioni, RENATO CIARDO batteria, VITTORIO BRUNO contrabbasso, FRANCESCO PAGLIARULO pianoforte, NICOLÒ PANTALEO sax, bombardino, tromba

 

sabato 18 febbraio 2017, ore 21.15

San Lorenzo in Campo, Teatro Tiberini

DECAMERON. Un racconto italiano in tempo di peste

da Giovanni Boccaccio

con TULLIO SOLENGHI

 

giovedì 2 marzo 2017, ore 21.15

San Lorenzo in Campo, Teatro Tiberini

LA PAZZIA DI ISABELLA. Vita e morte dei Comici Gelosi

di e con ELENA BUCCI e MARCO SGROSSO

 

sabato 4 marzo 2017, ore 21.15

Urbania, Teatro Bramante

“FINCHÈ VITA NON CI SEPARI”. OVVERO “W GLI SPOSI”

di Gianni Clementi

con GIORGIA TRASSELLI,  ENZO CASERTANO e

LUIGI PISANI, FEDERICA QUAGLIERI, ALESSANDRO SALVATORI

regia Vanessa Gasbarri

 

sabato 11 marzo 2017, ore 21.15

San Costanzo, Teatro della Concordia SCENARIDENS BABY

L’ONIRONAUTA

di e con FILIPPO BRUNETTI

 

mercoledì 15 marzo 2017, ore 21.15

Urbania, Teatro Bramante

MATTEI, PETROLIO E FANGO

di Giorgio Felicetti e Francesco Niccolini

con GIORGIO FELICETTI

 

venerdì 17 marzo 2017, ore 21.15

Macerata Feltria, Teatro Battelli

IL MERCANTE DI MONOLOGHI

di e con Matthias Martelli

e Matteo Castellan fisarmonica e tastiera

regia di Domenico Lannuti

 

sabato 18 marzo 2017, ore 21.15

Mondavio, Teatro Apollo

A TEMPO D’OPERA: IL GUSTO DEL MELODRAMMA

La favola di ORFEO ED EURIDICE

Concerto in forma scenica per strumenti, canto e voci recitanti

musiche di Christoph Willibald Gluck

libretto di Ranieri de’ Calzabigi

con KIYOKA IGUCHI, Orfeo, VASILIKI KONSTANTI, Euridice, MARIAMI TKEMALADZE Amore

Quartetto Internazionale d’Archi diretto da SALVATORE FRANCAVILLA

voci recitanti FRANCESCA DI MODUGNO e  CRISTIAN DELLA CHIARA

mise en éspace  Inga Balabanova

introduce Claudia Rondolini

 

 

martedì 21 marzo 2017, ore 21.15

GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA

Gradara, Teatro Comunale

NON APPARTENGO A UN SOLO CIELO. SPETTACOLO POETICO MUSICALE

testi di Lella De Marchi, GGG Tartaglia, Emily Dickinson, Sylvia Plath, Anne Sexton, Frida Khalo

con LELLA DE MARCHI testi, voce, DONA RUY voce, percussioni, G.G.G. TARTAGLIA chitarra, ukubass, loop machine, clarinetto, campana a molle, thunder, caffettiere preparate, armonica, ipad, voce, testi

 

sabato 25 marzo 2017, ore 21.15

San Costanzo, Teatro della Concordia SCENARIDENS

LA RAGAZZA CON LA VALIGIA

di e con PAOLA MINACCIONI

 

giovedì 6 aprile 2017, ore 21.15

San Lorenzo in Campo, Teatro Tiberini

AMINTA

di Torquato Tasso

concerto per strumenti, canto e voci recitanti

con le voci recitanti di Filippo Quintini Aminta, Pietro Conversano Tirsi, Francesca Di Modugno Dafne, Valentina Benvenuti, Silvia, Giorgio Donini coro

con Ensemble Bella Gerit: Enea Sorini canto, salterio, Michele Carreca liuto

e la partecipazione di Pamela Lucciarini canto

Asia D’Arcangelo Amore

regia Pietro Conversano

S

sabato 8 aprile 2017, ore 21.15

Urbania, Teatro Bramante

A TEMPO D’OPERA. IL GUSTO DEL MELODRAMMA

I CAPULETI E I MONTECCHI

di Vincenzo Bellini

libretto di Felice Romani

con DIANA VOLKOVA Romeo Montecchi, JEANNE DUMAT Giulietta Capuleti,

LUIGI PANUNZIO Tebaldo, SERGEY BARSEGHYAN Lorenzo, medico e famigliare dei Capuleti,  GIUSEPPE LAMICELA Capellio Capuleti, padre di Giulietta

e con MARTA TACCONI pianoforte, MARCO BARTOLINI, violino,  MALGORZATA MARIA BARTMAN, viola VLADIMIR ZUBITSKY violoncello

direttore SALVATORE FRANCAVILLA

voci recitanti ANTONIO OLIVIERI e SARA TOMASUCCI

messa in scena Inga Balabanova

 


giovedì 12 gennaio 2017, ore 20.15, replica ore 21.30

Mondavio, Teatro Apollo

 

IL FURIOSO ORLANDO

Storia d’amore e di follia

da Ludovico Ariosto

 

con GIUSEPPE ESPOSTO e JESSICA TONELLI

collaborazione alla drammaturgia Claudia Rondolini

regia Cristian Della Chiara e Ciro Limone

produzione Teatroaponente

 

Nel 1516 veniva stampato per la prima volta a Ferrara uno dei maggiori capolavori della letteratura italiana: l’Orlando Furioso.

A 500 anni dalla sua pubblicazione, Giuseppe Esposto e Jessica Tonelli dedicano all’immortale opera di Ludovico Ariosto, un inedito e originale omaggio teatrale dedicato all’amore per la bella Angelica e alla follia del paladino Orlando.

Una preziosa occasione per godere lo spettacolo della grande letteratura italiana.

 

 

ore 18.00 Sala Carboni

SCUOLA DI PLATEA

Incontro con Chiara Agostinelli:

Ariosto, per incominciare…

in collaborazione con Liceo Nolfi, Fano, Istituto Bramante Genga, Pesaro, Liceo Mamiani, Pesaro, Liceo Marconi, Pesaro

 

 

È possibile raggiungere Mondavio (ed assistere all’incontro delle 18.00 e agli spettacoli delle 20.15 e delle 21.30) prenotando un posto in bus (gratuito) al n. 0721 3592515 o 366 6305500 (tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00).

Partenza da Fano, Stazione delle corriere, ore 17.15

Partenza da Pesaro, Parcheggio San Decenzio, ore 17.00

Ritorno da Mondavio al termine dello spettacolo

 

sabato 14 gennaio 2017, ore 21.15

Macerata Feltria, Teatro Battelli

 

ADAMO E DEVA

di Francesco Freyrie e Andrea Zalone

 

con VITO e CLAUDIA PENONI

regia Daniele Sala

produzione Tutto Acceso Spettacoli

 

Adamo è un avvocato che gestisce i lasciti e le donazioni che i fedeli fanno alla Curia di Roma e come tutti i sabato sera sta aspettando l’arrivo dei suoi amici.

Ha cucinato e ha apparecchiato con cura la tavola quando qualcuno suona alla porta.

È Deva, una donna bizzarramente vestita con una valigia in mano.

Adamo tenta di dirle qualcosa, ma invano, la donna si siede a tavola scusandosi per il suo anticipo.

Chi è questo personaggio misterioso?

E perché gli altri commensali non arrivano?

Quella che doveva essere una rassicurante serata tra amici si trasforma in un’epica e sgangherata apocalisse: Adamo e Deva saranno pronti ad abitare il nuovo mondo che si presenta inaspettatamente davanti ai loro occhi?

La cena più integralista, biblica e rocambolesca della storia sta per avere luogo.

In questo spettacolo Francesco Freyrie e Andrea Zalone affrontano con ironia e divertito laicismo il tema più scottante di questi anni: la paura del diverso, la dittatura degli integralismi, lo scontro tra gli estremismi e la confusione tra fede e tifo da stadio.

Sotto la sapiente regia di Daniele Sala, Vito e Claudia Penoni portano in scena due nuove ed esilaranti maschere della Commedia all’italiana: i “fondamentalisti occidentali”.


giovedì 19 gennaio 2017, ore 21.15

San Lorenzo in Campo, Teatro Tiberini

 

IL POVERO, IL RICCO

Storie di Mazzarò e Ciàula

da La roba, di Giovanni Verga e Ciàula scopre la luna, di Luigi Pirandello

 

di e con GIUSEPPE ESPOSTO

e con la partecipazione di RAFFAELE DAMEN fisarmonica

produzione Teatroaponente

 

Quando leggo la splendida novella di Giovanni Verga, La roba, vivo energicamente quei paesaggi aridi e sanguigni partendo da quel “cielo fosco dal caldo”. Divento l’immensa campagna, poi il vallone, l’uliveto e passo attraverso le lunghe file di aratri. La testa comincia a dolermi e faccio fatica a contenere tutte le immagini; per contenere quella Terra ci vuole una testa diversa che non ne venga assorbita, ci vuole un cervello “come un brillante”. Mazzarò è un brillante che vede meschinamente la terra come una pietra preziosa da possedere e custodire, da tenere tutta per se come si tiene un’intera città in una bolla di vetro. Il suo desiderio di possesso assoluto risulterà essere una misera illusione: morirà nel vano sforzo di portarsi dietro almeno una parte di tutta quella roba. La parabola ascendente della sua vita, da povero bracciante a ricco possidente, è a ben vedere un climax discendente basato sulla materialità e l’oggettivazione della Terra in roba.

In Luigi Pirandello incontriamo un’altra testa totalmente diversa: quella di Ciàula. Un cervello istupidito dalla fatica e dal duro lavoro nella zolfara che però riesce a cogliere tutta la grandezza di questa terra attraverso la Luna, cioè da un altro pianeta. Da una luce lontana dall’antro infernale quotidianamente esplorato, ma soprattutto da una luce diversa dal sole che egli conosceva bene ed aveva pur visto tramontare.

La parabola di Ciàula è un’ascesa dall’alvo materno, dalla casa rappresentata dalle gallerie, dalle scale e dalle ombre generate dal lanternino, cioè dall’ambiente per lui familiare della zolfara al mondo di fuori, di cui all’inizio ne è assorbito fino all’istupidimento poi di cui ne ha paura (la mina scoppiata, la notte nera e vana) e infine di cui ne è commosso perché attraverso la luce della Luna forse riesce a scoprire la grandezza della Terra.

Fra Mazzarò e Ciàula, chi è, dunque, il povero? Chi è il ricco?

Giuseppe Esposto

 

ore 18.30 Sala dell’Oratorio l’Aquilone

SCUOLA DI PLATEA

Incontro con Francesca Ricci

Il ragno e la formica: l’analisi del vero in Verga e Pirandello

in collaborazione con Liceo Torelli, sede di Pergola


sabato 21 gennaio  2017, ore 21.15

San Costanzo, Teatro della Concordia                             

SCENARIDENS

 

PERFIDE PER UN ANNO

 

di e con ROMINA ANTONELLI e CLEMENTINA SCUDIERO

consulenza e testi Valeria Luconi

regia Oscar Genovese

produzione Le Perfide

In scena ci sono due personaggi femminili: Clementina e Romina, Le Perfide.

Come sono diventate così perfide, Le Perfide?

La perfida è quella che sembra o forse lo è l’altra? O lo sono entrambe?

La scena è caratterizzata dalla semplicità: pochi oggetti e gli abiti monocolore.

Clementina è in nero, Romina in rosso.

Amiche da sempre, il loro rapporto si perde nella notte dei tempi.

Vicine di casa, compagne di giochi, di asilo, di banco.

Clementina si confida e cerca sostegno, Romina ascolta , sprona, consiglia.

Una è remissiva, l’altra aggressiva.

Apparentemente, l’una è forte e l’altra debole, ma nulla è mai così semplice nei rapporti tra persone.

L’amicizia è l’incontro delle rispettive debolezze, e lo spettacolo indaga queste debolezze, alternando momenti di dialogo ad altri di monologo, in cui ognuna delle due donne svela qualcosa di sé.

La chiave di lettura è l’ironia, per un racconto lieve, ma tagliente dell’equilibrio sottile e misterioso su cui poggiano i rapporti umani.

 

 

 

 

dalle 20.00 Foyer del Teatro

Aperitivo di Stagione

Prodotti e ricette del territorio

a cura dei ristoranti e bar di San Costanzo

Euro 5.00

 

giovedì 26 gennaio 2017, ore 21.15

Gradara, Teatro Comunale

 

A QUELLI NATI DOPO DI NOI”.

Versi e pensieri di Bertolt Brecht

 

di e con FEDERICO PAINO

consulente alla drammaturgia Aldo Tenedini

 

“Non dimenticarlo mai: ora non è il momento adatto per vincere,

ma per combattere le sconfitte”.

B.B.

 

Il 14 agosto del 1956 moriva a Berlino Est uno dei più grandi protagonisti del Novecento: Bertolt Brecht.

Poeta, drammaturgo, regista, attivista politico, Brecht è stato uno degli intellettuali più influenti della sua epoca.

Noto soprattutto come autore di opere teatrali (tra cui L’opera da tre soldi, Madre Coraggio e i suoi figli, Il Signor Puntila e il suo servo Matti, Vita di Galileo) e fondatore dei Berliner Ensemble che diventò una delle più importanti compagnie teatrali europee, Brecht ha scritto anche numerose poesie, tra le più toccanti della lirica tedesca novecentesca.

A poco più di 60 anni dalla sua scomparsa, il recital di Federico Paino intende rendere omaggio all’eredità poetica di Brecht e offrire la possibilità di conoscere più intimamente – attraverso i suoi versi e pensieri – questa straordinaria figura di poeta militante, che ebbe la capacità di fare della letteratura una vera arma di lotta politica.

 

 

dalle 18.00 Palazzo Rubini Vesin

BRECHT SULLE SCENE

Inaugurazione della mostra a cura di Aldo Tenedini

con la collaborazione di Peter Kammerer (Università di Urbino)

 

ore 18.30 Palazzo Rubini Vesin

SCUOLA DI PLATEA

incontro con Aldo Tenedini:

Brecht. Elogio del dubbio

in collaborazione con Istituto Bramante-Genga, Liceo Mamiani, Pesaro, Liceo Marconi, Pesaro

 

È possibile raggiungere Gradara (ed assistere all’inaugurazione della mostra, all’incontro delle 18.30 e allo spettacolo delle 21.15) prenotando un posto in bus (gratuito) al n. 0721 3592515 o 366 6305500 (tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00).

Partenza da Pesaro, Parcheggio San Decenzio, ore 17.15

Ritorno da Gradara al termine dello spettacolo


venerdì 3 febbraio 2017, ore 21.15

Urbania, Teatro Bramante

 

MISERIA & NOBILTÀ

dal testo di Eduardo Scarpetta

scritto da Michele Sinisi con Francesco M. Asselta

 

con (in ordine alfabetico): DILETTA ACQUAVIVA, STEFANO BRASCHI, GIANNI D’ADDARIO, GIANLUCA DELLE FONTANE, GIULIA EUGENI, FRANCESCA GABUCCI, CIRO MASELLA, STEFANIA MEDRI, GIUDITTA MINGUCCI, DONATO PATERNOSTER, MICHELE SINISI

regia Michele Sinisi

produzione Elsinor Centro di Produzione Teatrale

 

 

Miseria e Nobiltà è prima di tutto un testo farsesco scritto da Eduardo Scarpetta sul finire dell’800. Ma in realtà nel tempo e nel suo stratificato percorso storico, con le facce e le maschere dei grandi interpreti del passato, è diventato molto di più, fino ad approdare al territorio della memoria istintiva e ancestrale.

La storia di un povero squattrinato, Felice Sciosciammocca, che costretto a vivere di espedienti per rimediare a fatica un tozzo di pane, dà vita a una fitta tessitura di trovate dialogiche e di situazioni che rappresentano la summa dell’arte attoriale italiana e di quanto di meglio la storia del teatro (in particolare quella napoletana) abbia prodotto nel tenere il pubblico inchiodato alla sedia.

Questo testo rappresenta la festa del teatro, quanto di più “felice” un pubblico possa incontrare.

Dalle platee Miseria e Nobiltà è poi migrato nel cinema, grazie al film di Mattoli, e nella tv creando veri e propri simboli e immagini vivide nelle memoria collettiva.

Totò (lo Sciosciammocca più celebre) è divenuto una sorta di tatuaggio, materia di imitazione in gruppi di persone davanti al bar nella vita di tutti giorni.

Miseria & Nobiltà è un Mito, è un collante sociale la cui storia oggi è evocata da alcuni passaggi che tutti in Italia ricordano e sarebbero in grado di citare.

Vingenz m’è padre a me”, “lettera a lu compare nepote”, il momento degli spaghetti, Totò che fa il principe in casa di Semmolone, sono le battute di un ritornello che la platea teatrale ripeterebbe all’unisono con la scena, come succede ad un concerto di musica pop.

Miseria & Nobiltà ritorna a quel testo del 1888 solo riscoprendosi rito nell’oggi con una straordinaria squadra di attori che s’impossessano della scena.

Dice Sciosciammocca nell’ultimissima battura della storia “Torno nella miseria, però non mi lamento: mi basta di sapere che il pubblico è contento.”

Miseria & Nobiltà del mestiere del vivere recitando.

 

ore 18.30 Sala Volponi

SCUOLA DI PLATEA

incontro con gli Attori della Compagnia

in collaborazione con Liceo Mamiani, Pesaro, Istituto Raffaello, Urbino

 

È possibile raggiungere Urbania (ed assistere all’incontro delle 18.30 e allo spettacolo delle 21.15) prenotando un posto in bus (gratuito) al n. 0721 3592515 o 366 6305500 (tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00).

Partenza da Pesaro, Parcheggio San Decenzio, ore 17.00

                da Urbino, Parcheggio Mercatale, ore 18.00

Ritorno da Urbania al termine dello spettacolo

 


mercoledì 8 febbraio 2017, ore 21.15

Macerata Feltria, Teatro Battelli

 

ARLECCHINO SERVITORE DI DUE PADRONI

 

soggetto David Anzalone, Michele Pagliaroni

con DAVID ANZALONE, FRANCESCA BERARDI, MARCO CHIARABINI, ERIKA GIACALONE, TEO GUARINI, ANDREA MILANO, MICHELE PAGLIARONI, ARIANNA PRIMAVERA, GUIDO TARGETTI

regia e drammaturgia Carlo Boso

produzione Centro Teatrale Senigalliese, Comune di Senigallia

con il sostegno di Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Regione Umbria

 

 

L’idea di mettere in scena un riadattamento de Il servitore di due padroni di Carlo Goldoni significa voler affrontare un’opera-simbolo: per Goldoni rappresentò la conclusione e la sintesi di un fenomeno teatrale-sociale-politico chiamato Commedia dell’Arte che “inventò” il Teatro come mestiere, che segnò la nascita del Teatro Moderno e che fu il seme dal quale nacquero tutte le forme spettacolari a noi oggi conosciute.

Per Giorgio Strehler fu, nell’immediato dopoguerra, la spinta per far rinascere il Teatro Italiano e ridare al popolo il “suo teatro”.

Lo spettacolo, che non vuole essere né “teatro di narrazione” né “teatro civile” né tantomeno “teatro-predica”, vuole recuperare il vero motore poetico del “Teatro dei Commedianti”, ma ambientarlo in un periodo storico mai ipotizzato per quest’opera: il secondo dopoguerra.

La storia – che si svolge a Milano – vuole raccontare, da un lato, come nasce l’illusoria Repubblica democratica italiana.

Dall’altro, la vicenda narra di come il “povero” popolo italiano – rappresentato da un reduce della campagna di Russia – oltre ad essere stato sacrificato in Guerra, si ritrova ora costretto, per sopravvivere, a barcamenarsi fra i ”nuovi padroni”.

 

 

 

giovedì 9 febbraio 2017, ore 21.15

Gradara, Teatro Comunale

 

STORIA DELLA COLONNA INFAME

da Alessandro Manzoni

 

con SILVIO CASTIGLIONI

e la partecipazione di GIORGIA GALANTI

consulenza letteraria Luigi Weber

drammaturgia Silvio Castiglioni e Giovanni Guerrieri

regia Giovanni Guerrieri

produzione Celesterosa

 

A conclusione de I Promessi Sposi, testo d’invenzione a sfondo storico, non compare il consueto vocabolo ‘fine’, spostato al termine della Storia della Colonna infame, testo da cui l’invenzione è bandita.

Manzoni ci mette così in guardia da una frettolosa soddisfazione per l’esito del romanzo, ci invita a proseguire la lettura oltre l’ultimo capitolo, e poi si impegna nell’esame di una vicenda storica che non ha conosciuto lieto fine, e che suscita un’indignazione che oggi attraverso il teatro si vuole rendere nuovamente intollerabile.

Lo spettacolo incrocia il doppio sguardo su una storia del ‘600 elaborata due secoli dopo dal Manzoni da cui affiora il fantasma della Città contemporanea, che divora se stessa e dimentica.

 

 

ore 18.30 Palazzo Rubini Vesin

SCUOLA DI PLATEA

incontro con Domenico Scalzo (Università di Urbino)

Peste e diritto. Alcune riflessioni su tortura e diritti umani

a partire da La storia della colonna infame di Alessandro Manzoni

in collaborazione con Liceo Nolfi, Fano, Liceo Mamiani, Pesaro, Liceo Marconi, Pesaro

 

 

È possibile raggiungere Gradara (ed assistere all’incontro delle 18.30 e allo spettacolo delle 21.15) prenotando un posto in bus (gratuito) al n. 0721 3592515 o 366 6305500 (tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00).

Partenza da Fano, Stazione delle corriere, ore 17.00

Partenza da Pesaro, Parcheggio San Decenzio, ore 17.30

Ritorno da Gradara al termine dello spettacolo

 


venerdì 10 febbraio 2017, ore 21.15

Mondavio, Teatro Apollo

 

FRIZZI E LAZZI

Un viaggio in maschera nella Commedia dell’Arte

 

di e con TOMMASO COCON, MARCO CORSUCCI, ELEONORA GAMBINI, LUCIA LEONARDI

e con GIULIA STRIGLIO musico

produzione Teatroaponente

 

Un’intrigante lezione-spettacolo sulla Commedia dell’Arte a cura di quattro giovani attori che si sono formati sotto la guida di Maestri assoluti di Commedia: Francesco Facciolli, Eugenio Allegri e Carlo Boso.

Tommaso Cocon, Marco Corsucci, Eleonora Gambini e Lucia Leonardi giocano con le Maschere, divertono ed appassionano accompagnandoci, insieme al musico Giulia Striglio, alla scoperta di questo sempreverde genere teatrale, che, dopo secoli, continua a mietere successi nelle platee di tutto il mondo.

 

 

ore 18.30 Sala Carboni

SCUOLA DI PLATEA

Incontro-laboratorio con gli Attori della Compagnia

 

È possibile raggiungere Mondavio (ed assistere all’incontro – laboratorio delle 18.30 e allo spettacolo delle 21.15) prenotando un posto in bus (gratuito) al n. 0721 3592515 o 366 6305500 (tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00).

Partenza da Pesaro, Parcheggio San Decenzio, ore 17.00

Ritorno da Mondavio al termine dello spettacolo

 

sabato 11 febbraio 2017, ore 21.15

San Costanzo, Teatro della Concordia

 

SCENARIDENS

 

IL SOL CI HA DATO ALLA TESTA

 

di e con RIMBAMBAND:

RAFFAELLO TULLO voce e percussioni, RENATO CIARDO batteria, VITTORIO BRUNO contrabbasso, FRANCESCO PAGLIARULO pianoforte, NICOLÒ PANTALEO sax, bombardino, tromba

produzione Bags Entertainment

 

Un sassofonista rubato alla banda di paese, un contrabbassista stralunato, un pianista virtuoso, un batterista rompiscatole, un capobanda: la Rimbamband.

Insieme dal 2006, questi bravi, pestiferi e loschi figuri mixano tutti i linguaggi possibili dell’arte e dello spettacolo: musica, mimo, clown, tip tap, teatro di figura, rumorismo, fantasia teatrale, parodie. Il tutto shakerato con un ritmo comico incalzante, e servito con energia travolgente.

Cinque musicisti, un po’ suonati, ma straordinari, che incantano, creano, illudono, emozionano, demistificano, provocano… giocano.

E così il reale si fa surreale, l’impossibile diventa possibile, il possibile improbabile, in uno spettacolo che si ascolta come fosse un concerto e si guarda come fosse un varietà.

Durante il viaggio si incontrano tanti maestri, da Buscaglione a Carosone ed Arigliano (e ci sorprenderemo nel trovarli quanto mai simili a Mozart e Rossini), si scoprono con piacere i suoni della danza, ma soprattutto si vive l’incanto di ritrovare il proprio fanciullo perduto.

Uno spettacolo fuori dai canoni convenzionali, oltre le righe, anzi … senza righe, nel quale la sola certezza è che cinque impeccabili suonatori riusciranno ad assurgere ad esilaranti suonattori.

 

dalle 20.00 Foyer del Teatro

Aperitivo di Stagione

Prodotti e ricette del territorio

a cura dei ristoranti e bar di San Costanzo

Euro 5.00

 

sabato 18 febbraio 2017, ore 21.15

San Lorenzo in Campo, Teatro Tiberini

 

DECAMERON

Un racconto italiano in tempo di peste

da Giovanni Boccaccio

 

con TULLIO SOLENGHI

progetto di Sergio Maifredi

in collaborazione con Gian Luca Favetto

produzione Teatro Pubblico Ligure

 

 

Una lettura del capolavoro di Giovanni Boccaccio affidata ad uno dei più noti ed amati interpreti della scena italiana: Tullio Solenghi.

Ha detto il curatore dello spettacolo, Luca Favetto: «Sono tante le pesti contemporanee, tutte alimentate dal sentimento della paura. L’idea è di sfuggirla, di arginarla, questa paura, figlia della confusione e dei rapidi cambiamenti che stiamo vivendo.  Non si tratta tanto di ripararsi dal mondo fuggendolo, ritirandosi in villa, scambiando storie come antibiotici e vitamine, al riparo del fluire della vita.  Si tratta di adoperare le parole e le storie per leggere il mondo, trovargli un senso, dargli forma, cercare di comprenderlo. E di condividerlo.  Raccontare è condividere e riconoscere insieme. La parola non serve soltanto a salvarsi e a fare passare il tempo, serve a regalarlo. E noi partiamo dalle parole e dalle storie di Boccaccio. Il lavoro non è di attualizzare Boccaccio, ma di conservarne e curarne il suo essere contemporaneo.».

Tullio Solenghi affronta le più belle novelle del Decameron rendendole vive come un cabaret contemporaneo, utilizzando finemente la lingua originale di Giovanni Boccaccio, restituendocela chiara e divertente come un copione di oggi.

Uno spettacolo comico e colto, davvero per tutti.

 

 

 

giovedì 2 marzo 2017, ore 21.15

San Lorenzo in Campo, Teatro Tiberini

LA PAZZIA DI ISABELLA.

Vita e morte dei Comici Gelosi

 

testo, interpretazione e regia ELENA BUCCI e MARCO SGROSSO

consulenza alla drammaturgia Gerardo Guccini

maschere Stefano Perocco di Meduna

tecnico luci e suono Roberto Passuti

produzione le Belle Bandiere

in collaborazione con Centro di Promozione Teatrale La Soffitta-Università degli Studi di Bologna

 

Due grandi interpreti della scena italiana come Elena Bucci (nel novembre 2016 insignita del Premio “Eleonora Duse”, l’Oscar del Teatro italiano) e Marco Sgrosso danno vita a questo affascinante spettacolo che narra la vicenda umana e artistica di Isabella e Francesco Andreini, fra i più grandi esponenti di quella epoca d’oro del teatro italiano che fu la Commedia dell’Arte.

Un’affascinante occasione per riflettere sulle radici stesse dell’arte dell’attore, sul fascino e sulla forza misteriosa di un ‘mestiere’ che riesce a tramandarsi nei secoli nonostante il suo carattere effimero.

Le notizie biografiche su Isabella e Francesco Andreini sono poche e scarne, ed è difficile ricostruire e capire cosa e come recitassero, nonostante l’ampia mole di scritti tramandataci dal meticoloso lavoro di raccolta di Francesco dopo l’improvvisa e prematura morte della moglie.

La descrizione entusiasticamente ammirata dei testimoni della famosa “Pazzia di Isabella” – assai più delle Lettere, delle Rime e delle Commedie di cui ella fu autrice – ci consentono uno squarcio di immaginazione sulla forza scenica quasi ipnotica di questa attrice “cittadina del mondo” che – antesignana di Eleonora Duse – seppe essere innovativa e rivoluzionaria, pur nel pieno rispetto della grande tradizione degli Attori dell’Arte del suo tempo.

La raccolta delle oltre cento “Bravure” del Capitano Spavento di Vall’Inferna ci offrono, invece, uno stimolo per immaginare lo stile irresistibile e trascinante di un attore che al ruolo ‘nobile’ dell’Innamorato preferì un personaggio rodomontico ed ingombrante.

 

SCUOLA DI PLATEA

Sala dell’Oratorio l’Aquilone ore 18.30

Incontro con  Giorgio Castellani:

Isabella Andreini padovana Comica Gelosa

in collaborazione con Liceo Torelli, sede di Pergola, Liceo Nolfi, Fano

 

dalle 20.00 Foyer del Teatro

Degustazione di Stagione

a base di castagnoli di farro

dolci della tradizione laurentina

 

È possibile raggiungere San Lorenzo in Campo (ed assistere all’incontro delle 18.30 e allo spettacolo delle 21.15) prenotando un posto in bus (gratuito) al n. 0721 3592515 o 366 6305500 (tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00).

Partenza da Pesaro, Parcheggio San Decenzio, ore 17.00

                 da Fano, Stazione delle corriere, ore 17.20

Ritorno da San Lorenzo in Campo al termine dello spettacolo


sabato 4 marzo 2017, ore 21.15

Urbania, Teatro Bramante

 

“FINCHÈ VITA NON CI SEPARI”

OVVERO “W GLI SPOSI”

di Gianni Clementi

 

con GIORGIA TRASSELLI,  ENZO CASERTANO e

LUIGI PISANI, FEDERICA QUAGLIERI, ALESSANDRO SALVATORI

scene e costumi Velia Gabriele

disegno luci Giuseppe Filipponio

direttori di scena Katia Titolo

capo elettricista Fabrizio Mazzonetto

ufficio stampa Andrea Cova

organizzazione Raffaella Gagliano

regia Vanessa Gasbarri

produzione Pragma s.r.l.

 

In casa Mezzanotte fervono i preparativi per le nozze dell’enigmatico ed intrigante Giuseppe, figlio di Alba e Cosimo, maresciallo in pensione dell’Arma. Appena rientrato da una missione in Afghanistan, Giuseppe, paracadutista dei Carabinieri, è atteso all’altare dalla futura sposa, figlia del signor Spampinato proprietario del ristorante “La Scamorza”. Alba, con la sua tagliente comicità, pur nell’imminenza della cerimonia, non riesce a rassegnarsi all’idea di imparentarsi con quella che lei definisce una famiglia di “sguatteri” e non perde occasione per ricordarlo ad un esausto Cosimo che con esilarante arrendevolezza continua ad amarla dopo 35 anni di bonari ed inoffensivi litigi.

L’arrivo di Miriam hair stylist e make up artist, come ama definirsi, porta in casa Mezzanotte una ventata di effervescente e scoppiettante simpatia.

L’ora fatidica si avvicina, la chiesa è addobbata, il ristorante la Scamorza attende 120 invitati e casa Mezzanotte si trasforma in un’intricata situazione di equivoci e comicità.

Tutto è pronto, tutto è perfetto… quando – come fossimo in un giallo – qualcuno bussa alla porta…

Anche con questo testo Gianni Clementi regala al pubblico uno spettacolo saggio, divertente, attuale e che coniuga il gusto per l’intreccio comico, tipico della commedia familiare italiana, con le tensioni drammatiche dei nostri giorni.

Il successo dello spettacolo, oltre al testo, è da attribuirsi alla semplice, lineare regia di Vanessa Gasbarri e ad un cast di bravissimi e noti attori fra cui Enzo Casertano e Giorgia Trasselli, per oltre 20 anni al fianco della mitica coppia formata da Sandra Mondaini e Raimondo Vianello, come co-protagonista nella loro celebre serie televisiva, nel ruolo della “Tata”.

 


sabato 11 marzo 2017, ore 21.15

San Costanzo, Teatro della Concordia

SCENARIDENS BABY

Per i bambini…di tutte le età!

 

L’ONIRONAUTA

Spettacolo ironico onirico

 

di e con FILIPPO BRUNETTI

 

 

L’Onironauta è ispirato all’argomento dei sogni lucidi ovvero alla capacità, che si può acquisire durante il sonno, di essere coscienti di stare sognando, e quindi vivere un’esperienza onirica in maniera realistica e scegliere di creare situazioni e azioni assurde a scopo di esplorare le infinite possibilità fantastiche del mondo dei sogni.

In questo spettacolo il protagonista – interpretato dal bravo clown giocoliere attore artista Filippo Brunetti, con le sue infantili “peripazzie” immaginifiche e le sue giocolerie comiche con oggetti reali, evoca un sogno, in cui trascende la forza di gravità fino a raggiungere la sensazione di volo con una tecnica teatrale a portata d’uomo senza effetti speciali e dove il giocoliere è un astronauta con i piedi per terra e il clown è un sognatore sveglio.

L’Onironauta è uno spettacolo che racchiude le tecniche acquisite del clown teatrale, dell’attore circense e di giocoleria comica con oggetti non convenzionali.

Filippo Brunetti si è formato, come mimo e clown, con grandi Maestri come Eugenio Allegri, Paolo Nani, Peter Weyel, Andrè Casaca, Yves Lebreton e Jef Johnson. Come giocoliere ha perfezionato la sua esperienza con Lorenzo Crivellari, Edoardo De Montis, Jay Gilligan e Wes Peden. Si esibisce come artista di strada con Cirkolistico di Senigallia dal 2011 al 2013. Dal 2014 inizia un percorso d’approfondimento professionale individuale sul clown/attore teatrale e circense e sulla giocoleria comica e creativa.

dalle 20.00 Foyer del Teatro

Aperitivo di Stagione

Prodotti e ricette del territorio

a cura dei ristoranti e bar di San Costanzo

Euro 5.00

 

mercoledì 15 marzo 2017, ore 21.15

Urbania, Teatro Bramante

 

MATTEI

petrolio e fango

di Giorgio Felicetti e Francesco Niccolini

 

con GIORGIO FELICETTI

e la partecipazione di VALENTINA BONAFONI

scene e costumi Giorgia Basili

luci Stefano Romagnoli

regia Giorgio Felicetti

produzione Les Enfants du Paradis, Festival della Narrazione di Arzo, Svizzera Esteuropaovest Festival

 

Tutto è spaventosamente chiaro”.

Pier Paolo Pasolini

Mattei è storia di petrolio. Mattei è giustizia annegata nel fango. Mattei è una stella di fuoco che cade il 27 ottobre 1962 a Bascapé. Mattei è la storia di un ragazzino nato ad Acqualagna il 29 aprile 1906 e vissuto nelle Marche, ma che ben presto parte per Milano a cercare il futuro: qui fonda una piccola fortunata industria chimica e inizia a frequentare gli ambienti politici democristiani, partecipa alla Resistenza, nel dopoguerra fa rinascere l’Agip e fonda l’Eni, rivoluziona la politica energetica nazionale ed internazionale, fino a diventare “l’italiano più importante dopo Giulio Cesare”.

Teatro d’inchiesta o narrazione civile, giallo storico o thrilling industriale, Mattei è racconto epico con movenze e ritmi da show. Il testo dello spettacolo, è frutto di una lunga ricerca fatta di testimonianze dirette, interviste a persone che hanno conosciuto Enrico Mattei, e di consultazione di libri, foto, film, documentari e soprattutto dei materiali prodotti dal tribunale di Pavia, sulla ricostruzione degli ultimi giorni di vita e sul giorno della morte del Presidente dell’ENI.

 

Giorgio Felicetti ha vinto il Premio Franco Enriquez 2009 per il Teatro Civile: miglior attore italiano, migliore drammaturgia Medaglia del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

ore 18.30 Sala Volponi

SCUOLA DI PLATEA

incontro con Giorgio Felicetti

in collaborazione con Liceo Nolfi, Fano, Istituto Bramante-Genga, Pesaro, Liceo Mamiani, Pesaro, Liceo Marconi, Pesaro

 

È possibile raggiungere Urbania (ed assistere all’incontro delle 18.30 e allo spettacolo delle 21.15) prenotando un posto in bus (gratuito) al n. 0721 3592515 o 366 6305500 (tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00).

Partenza da Pesaro, Parcheggio San Decenzio, ore 17.00

                da Fano Stazione delle corriere ore 17.20

Ritorno da Urbania al termine dello spettacolo


venerdì 17 marzo 2017, ore 21.15

Macerata Feltria, Teatro Battelli

 

IL MERCANTE DI MONOLOGHI

 

di e con MATTHIAS MARTELLI

e MATTEO CASTELLAN fisarmonica e tastiera

regia Domenico Lannuti

artist Coach Francesca Garrone

scenografia Officine Creative – Cecchi Point

produzione Teatro della Caduta

 

Uno spettacolo satirico, divertente e poetico, che mira a recuperare la tradizione del  teatro popolare, quella che affonda le sue radici nei giullari medievali per arrivare fino al grande Dario Fo.

Matthias Martelli si presenta al pubblico come un vero e proprio giullare contemporaneo: un Mercante, che, accompagnato dal suo antico carretto di legno rigonfio di vestiti e con la complicità delle note del maestro Castellan,  mette in vendita una merce speciale, surreale quanto necessaria: Monologhi!

E così giacche e cappelli, una volta indossati, diventano protagonisti della scena dando vita a una delirante galleria di “mostri contemporanei”: dal politico al professore di antropologia, dal cantante Rods all’esilarante Don Iphon, predicatore delle nuove tecnologie, fino al delirio finale in cui il Mercante si trasformerà in pochi minuti in una moltitudine di personaggi.

Il Mercante di Monologhi vuole riportare in auge un teatro vivo, vitale, che parli di noi, capace di far saltare lo spettatore sulla sedia, che faccia ridere senza vergognarsi, che provochi senza nascondersi, un teatro che torni a far bruciare di vita le radici popolari del nostro teatro, per arrivare infine alla liberazione dell’attore e del suo pubblico in un’unica, grande, esplosione di risate e di follia.


A TEMPO D’OPERA: IL GUSTO DEL MELODRAMMA

 

 

sabato 18 marzo 2017, ore 21.15

Mondavio, Teatro Apollo

La favola di ORFEO ED EURIDICE

Concerto in forma scenica

per strumenti, canto e voci recitanti

musiche di Christoph Willibald Gluck

libretto di Ranieri de’ Calzabigi

con KIYOKA IGUCHI Orfeo

VASILIKI KONSTANTI Euridice

MARIAMI TKEMALADZE Amore

e con QUARTETTO INTERNAZIONALE D’ARCHI

diretto da SALVATORE FRANCAVILLA

voci recitanti FRANCESCA DI MODUGNO e CRISTIAN DELLA CHIARA

luci Luca Marzi

messa in scena  Inga Balabanova

introduce Claudia Rondolini

produzione International Opera Studio

 

Orfeo ed Euridice è un’opera composta da Christoph Willibald Gluck su libretto di Ranieri de’ Calzabigi. Propone la romantica vicenda del cantore Orfeo, il quale, stravolto dal dolore per la perdita dell’amata Euridice, non vuole arrendersi a tale verdetto sfidando le tenebre della morte per riuscire a riportarla in vita.

Fu rappresentata per la prima volta il 5 ottobre 1762 al Burgtheater di Vienna con Gaetano Guadagni (Orfeo), Marianna Bianchi (Euridice) e Lucia Claverau (Amore).

A questa prima seguirono oltre 100 repliche e l’entusiasmo fu tale che l’imperatrice Maria Teresa alla seconda recita donò a Gluck un preziosissimo anello d’oro e diamanti.

L’opera è passata alla storia come la più famosa tra quelle composte da Gluck e, pur nelle molteplici rivisitazioni, è stata una delle poche opere settecentesche, se non addirittura l’unica non mozartiana, a rimanere sempre, fino ad oggi, in repertorio nei principali teatri lirici del mondo.

International Opera Studio la ripropone in forma scenica, in un solo atto, come concerto per strumenti, canto e voci recitanti.

 

 

dalle 20.00 Foyer del Teatro

Buffet di Stagione

prodotti e ricette del territorio

 


GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA

 

martedì 21 marzo 2017, ore 21.15

Gradara, Teatro Comunale

 

NON APPARTENGO A UN SOLO CIELO

SPETTACOLO POETICO MUSICALE

testi di Lella De Marchi, GGG Tartaglia, Emily Dickinson, Sylvia Plath, Anne Sexton, Frida Khalo

 

con

LELLA DE MARCHI testi, voce

DONA RUY voce, percussioni

G.G.G. TARTAGLIA chitarra, ukubass, loop machine, clarinetto, campana a molle, thunder, caffettiere preparate, armonica, ipad, voce, testi

 

Non mi accendo / solo a pezzi / non mi spengo / per intero / non appartengo /  a un solo cielo

Lella De Marchi

 

In questa azione performativa ogni arte incontra il teatro, si fa poesia. Poesia non come parola scritta dei poeti, ma come luogo versatile dell’essere e un modo del sentire dell’animo umano.

Una particolare forma e necessità di espressione che attraversa e abita tutti noi.

La trama delle poesie di alcune delle protagoniste più importanti della poesia femminile degli ultimi tempi, da Emily Dickinson a Sylvia Plath da Anne Sexton a Frida Khalo, è ripresa e riascoltata fino a cercare la combinazione a frammenti e suoni con i testi della poetessa e performer Lella De Marchi.

Dona Ruy, cantattrice, trasforma i tessuti poetici in canto, a voce nuda o amalgamato alla musica, in sovrapposizione vocale o in alternanza con la voce di Lella De Marchi.

G.G.G. Tartaglia, musicista polistrumentista, autore e compositore, con la sua musica si fa luogo di questo incontro artistico, attraverso l’utilizzo della polistrumentazione e nella capacità di adattamento ed ascolto dei testi e della voce.

 

 

La Giornata Mondiale della Poesia è stata istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale Unesco e celebrata per la prima volta il 21 marzo 1999. La data, che segna anche il primo giorno di primavera, riconosce all’espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e della comprensione interculturali, della diversità linguistica e culturale, della comunicazione e della pace.


sabato 25 marzo 2017, ore 21.15

San Costanzo, Teatro della Concordia

 

SCENARIDENS

 

LA RAGAZZA CON LA VALIGIA

 

di e con PAOLA MINACCIONI

 

La ragazza con la valigia è la storia di una ragazza che viaggia attraverso tutte le sue personalità.

Paola Minaccioni ripropone i suoi personaggi comici, nati in teatro e resi noti dalla televisione, dalla radio e dal cinema (La signora Wanda, Il centro dimagrante, Il macchinario, Cosa38kisskiss, Katinka la rumena, La sociologa, La donna che ama troppo), nel tentativo di scattare un’istantanea della situazione femminile contemporanea.

Un viaggio leggero, una vacanza, anche breve, una pausa dalla quotidianità, per cui si parte con la valigia vuota da riempire di risate.

 

 

dalle 20.00 Foyer del Teatro

Aperitivo di Stagione

Prodotti e ricette del territorio

a cura dei ristoranti e bar di San Costanzo

Euro 5.00

 

giovedì 6 aprile 2017, ore 21.15

San Lorenzo in Campo, Teatro Tiberini

 

AMINTA

favola pastorale di Torquato Tasso

concerto per voci recitanti, canto e strumenti

 

con le voci recitanti di FILIPPO QUINTINI Aminta, PIETRO CONVERSANO Tirsi, FRANCESCA DI MODUGNO Dafne, VALENTINA BENVENUTI Silvia, GIORGIO DONINI coro

con ENEA SORINI canto, salterio, MICHELE CARRECA liuto (Ensemble Musicale Bella Gerit)

e la partecipazione di PAMELA LUCCIARINI canto

e di ASIA D’ARCANGELO Amore (voce fuori campo)

 

regia Pietro Conversano

 

Dopo la prima rappresentazione assoluta della favola pastorale Aminta – avvenuta il 31 luglio del 1573 nell’isoletta di Belvedere, affacciata sul Po vicino Ferrara, al cospetto del duca Alfonso II e di tutta la corte estense -, una seconda fu allestita nel ducato di Urbino, nel febbraio dell’anno successivo, durante il carnevale. La recita era stata fortemente voluta da Lucrezia d’Este, andata in sposa a Francesco Maria della Rovere, figlio del duca di Urbino (già compagno di studi del Tasso diciassette anni prima). Attori furono alcuni giovani di Urbino, guidati da Tasso medesimo. La rappresentazione è probabile comprendesse brani musicali per le parti liriche e per i cori secondo una prassi non infrequente negli spettacoli teatrali dell’epoca. Ed è altresì probabile che qualcosa di quei brani si rintracci nelle Novellette a sei voci dell’urbinate Simone Balsamino: ovvero, brani estratti dall’Aminta del Tasso, in quelle che furono le prime intonazioni musicali della pastorale.

Questo concerto-spettacolo è nato con l’intento di intraprendere la strada della interdisciplinarietà di linguaggi che furono alla base del Teatro Polifonico: quella particolare e assai diffusa pratica con la quale “le commedie del Cinque/Seicento, o più in generale le opere teatrali, erano integrate da musiche originali composte appositamente per esse”.

 

 

ore 18.30, Sala dell’Oratorio l’Aquilone

SCUOLA DI PLATEA

Incontro con  Claudia Rondolini:

“S’ei piace, ei lice”: il mito dell’età dell’oro nell’Aminta di Tasso

in collaborazione con Liceo Scientifico Torelli, sede di Pergola

 

dalle 20.00 Foyer del Teatro

Buffet di Stagione

prodotti e ricette del territorio

 

A TEMPO D’OPERA: IL GUSTO DEL MELODRAMMA

 

sabato 8 aprile 2017, ore 21.15

Urbania, Teatro Bramante

 

I CAPULETI E I MONTECCHI

concerto per voci recitanti, canto e strumenti

 

musiche di  Vincenzo Bellini

libretto di Felice Romani

con DIANA VOLKOVA Romeo Montecchi, JEANNE DUMAT Giulietta Capuleti,

LUIGI PANUNZIO Tebaldo, SERGEY BARSEGHYAN Lorenzo, medico e famigliare dei Capuleti,  GIUSEPPE LAMICELA Capellio Capuleti, padre di Giulietta

e con MARTA TACCONI pianoforte, MARCO BARTOLINI violino,  MALGORZATA MARIA BARTMAN, viola, VLADIMIR ZUBITSKY violoncello

direttore SALVATORE FRANCAVILLA

voci recitanti ANTONIO OLIVIERI e SARA TOMASUCCI

luci Luca Marzi

messa in scena Inga Balabanova

produzione International Opera Studio

 

La più celebre e sfortunata vicenda d’amore di tutti i tempi, quella di Giulietta e Romeo, resa immortale dal dramma omonimo di Shakespeare, è stata spesso trasposta in musica. Tra le versioni più apprezzate si colloca I Capuleti e i Montecchi, opera in due atti commissionata a Vincenzo Bellini dal Teatro La Fenice per il Carnevale del 1830, dove va in scena l’11 marzo. Autore del libretto è Felice Romani, che trae il soggetto dalla tradizione letteraria italiana, e in particolare da una novella del rinascimentale Matteo Bandello e da una tragedia primo ottocentesca di Luigi Scevola.

International Opera Studio ripropone il capolavoro di Bellini in forma scenica, in un solo atto, come concerto per strumenti, canto e voci recitanti.

 

 

 

dalle 20.00 Foyer del Teatro

Buffet di Stagione

prodotti e ricette del territorio


 

 A TEMPO D’OPERA

 

Il progetto della Rete Teatrale A tempo d’opera. Il gusto del Melodramma è nato con l’intento di riportare il melodramma nei Teatri Storici della provincia di Pesaro e Urbino: ovvero, i luoghi in cui  questo genere musicale è nato a cavallo tra XVIII e XIX secolo.

Come ai tempi in cui furono costruiti questi straordinari gioielli architettonici, il pubblico sarà invitato a degustare sia l’essenza delle più belle e affascinanti opere del repertorio melodrammatico, sia i sapori della cucina locale in una cena allestita nel foyer del Teatro.

A tempo d’opera, appunto.

 

Nel Settecento il teatro acquisisce nell’Europa continentale una funzione sociale che non aveva dai tempi della Grecia. Da spettacolo di corte o di piazza divenne per la borghesia un luogo di dibattito politico, oltre che un punto di riferimento per l’identità nazionale, e persino per la rivoluzione.

Il Settecento è il secolo in cui viene portato a conclusione quel processo di rivoluzione dell’architettura teatrale, iniziato a metà Seicento, che consiste nella costruzione dell’edificio e della sala teatrale pubblica, così come siamo ancor oggi abituati a concepirla.

È la cosiddetta ‘sala all’italiana’ (…): un emiciclo – sia esso a U, o a ferro di cavallo, o a campana, oppure a ellisse – chiuso dal fronte del palcoscenico, con la sua larghezza, profondità e altezza, e costituito da una sala o platea e da un sistema di palchi a più piani, che la circondano e la concludono.

Guido Davico Bonino

La grande fioritura dei teatri, che durò per quasi due secoli, coincise con la costruzione definitiva della città moderna.

Grandi e piccoli centri (a cui l’aggettivo “urbano” non sempre gli sarebbe stato conferito) costruirono teatri, definirono la forma da attribuire all’insediamento, stabilirono un durevole assetto del territorio.

Costruirono teatri e diventarono città.

Pier Luigi Cervellati

Anche nella provincia di Pesaro e Urbino – dove, fra il XVIII e il XX secolo i teatri nascono ricchi e copiosi -, si diffonde, il gusto dell’andare a teatro per applaudire, in particolare, la nuova forma di opera in musica: il melodramma.

Detto con altre parole si trattava di una vera e propria industria del melodramma, largamente sostenuta da “doti” comunali per la gioia e il diletto di un pubblico appassionato e competente, bellamente scaglionato fra platea, palchi e loggione secondo le distinzioni di classe e di censo: occasione ricorrente di lavoro (e quindi di guadagno) per impresari, ma anche per tutta una fitta schiera di cantanti, coristi, orchestrali ballerini e comparse affiancati da pittori, decoratori, falegnami e scenotecnici che identificavano nell’edificio teatrale la cattedrale profana di un rito sempre più seguito e sempre più amato dall’intera popolazione.

Franco Battistelli

Si guarda dai palchi e si guardano gli spettatori nei palchi: lo spazio della sala si realizza come luogo dello sguardo in tutte le sue possibili implicazioni.

In questo “mondo autonomo” si formano un nuovo spettatore, un nuovo pubblico, una nuova società teatrale.

Non è dunque un caso, né una pura moda se il cosiddetto ‘teatro all’italiana’ si diffonde a raggiera in tutta Europa: esso è uno spazio di relazione, interno e assoluto, un ambiente che deriva e fonda una forma mentis della società.

Fabrizio Cruciani

Per il pubblico del Settecento il teatro diventa i luogo di una cerimonia sociale di cui veri protagonisti divengono gli spettatori stessi.

Nei palchetti – sorta di propaggini extraterritoriali delle dimore patrizie -, mentre gli animi si dilettano con la bellezza dell’arte, si consumano banchetti, conversazioni, incontri galanti.

I piaceri della vita. In e per tutti i sensi.


SCUOLA DI PLATEA

Avvicinare i giovani al teatro e accrescere in loro una vera e propria cultura teatrale.

È questo l’obiettivo del progetto di formazione Scuola di platea.

L’iniziativa è nata al fianco delle tradizionali Stagioni di prosa per analizzarne i contenuti e accompagnare il pubblico – soprattutto quello più giovane – alla visione degli spettacoli mediante incontri con le Compagnie e con studiosi, esperti,

intellettuali e artisti.

Gli spettatori cui il progetto è principalmente rivolto sono gli studenti delle Scuole Secondarie di II grado.

Per la Stagione di Prosa Teatri d’Autore 2016-‘17, le scuole partecipanti al progetto sono: Liceo Nolfi di Fano, Liceo Torelli di Pergola, Istituto Bramante-Genga di Pesaro, Liceo Mamiani di Pesaro, Liceo Marconi di Pesaro, Istituto d’Istruzione Superiore Raffaello di Urbino

 

 

ABRACADAMAT

Dietro ogni avvenimento e sentita emozione si nasconde una grande storia.

Queste storie spesso sfuggono e continuano ad aleggiare nel buio di una sala: andrebbero registrate, espresse e raccontate per rendere possibile, come per magia, rivivere attraverso altri mezzi ciò che è accaduto e ciò che si è provato. Ma non si tratta solo di documentare e guardare al passato: fondamentale diventa indagare il presente, commentarlo e realizzarlo, coinvolgendo chi si affaccia al teatro e all’attività di AMAT – Associazione Marchigiana Attività Teatrali.

Per questo nasce ABRACADAMAT, uno spazio on-line dove il teatro marchigiano si racconta attraverso commenti, approfondimenti, interviste, video, foto e audio; uno spazio interattivo su cui scrivere come fosse una sorta di diario pop-up; uno spazio virtuale che registra pensieri, immagini e accadimenti facendoli permanere nel tempo.

Raccontate le vostre opinioni ed emozioni in merito all’esperienza teatrale vissuta con una recensione, una fotografia, un breve commento scritto o filmato che sarà pubblicato nel sito:

www.abracadamat.org

email: [email protected]

 

 

 

____________________________________________________________________________________

si ringrazia

 

l’Istituto d’Istruzione Superiore “Raffaello”, Urbino – PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO


BIGLIETTI E ABBONAMENTI

 

BIGLIETTI

 

Settore A (platea e palchi centrali)    intero     Є 15

                                                               ridotto    Є 12

Settore B (palchi laterali e loggione) intero     Є 10

                                                              ridotto    Є   8

 

ABBONAMENTI A CARNET

Abbonamento per gli spettacoli di un unico teatro oppure a scelta fra tutti quelli proposti dalla Stagione della Rete

 

Abbonamento a 3 spettacoli

Settore A (platea e palchi centrali)    intero     Є 42

                                                              ridotto    Є 33

Settore B (palchi laterali e loggione) intero     Є 27

                                                              ridotto    Є 21

 

Abbonamento a 4 spettacoli

Settore A (platea e palchi centrali)    intero     Є 52

                                                              ridotto    Є 40

Settore B (palchi laterali e loggione) intero     Є 32

                                                              ridotto    Є 24

 

Abbonamento a 5 spettacoli

Settore A (platea e palchi centrali)    intero     Є 65

                                                             ridotto    Є 50

Settore B (palchi laterali e loggione) intero     Є 40

                                                              ridotto    Є 30

 

Hanno diritto alla riduzione gli spettatori fino a 25 anni e oltre i 65 anni, i possessori della Amato abbonato Card, della Tessera Plus Rete Servizi Bibliotecari di Pesaro e Urbino e convenzionati vari

 

Biglietti e abbonamenti potranno essere acquistati:

 

– in prevendita (con maggiorazione di € 1.00):

 

Biglietteria Tipico.tips v. Rossini, 41, Pesaro, tel. 0721 359 2501

orario: da martedì a sabato, 10.00-13.00 e 16.30-19.30

biglietteria Teatro Rossini, P.zza Lazzarini1, Pesaro tel. 0721 387621

orario: da mercoledì a sabato dalle 17.00 alle 19.30

biglietteria Teatro della Fortuna, P.zza XX Settembre 1, Fano, tel. 0721 800750

orario: da mercoledì a sabato dalle 17.30 alle 19.30 mercoledì e sabato anche 10.30-12.30

E IN TUTTI I TEATRI DELO CIRCUITO AMAT

 

– il giorno stesso dello spettacolo

nelle biglietterie di ogni singolo Teatro, dalle ore 19.00.

 

VENDITA ON LINE:

Una parte dei posti disponibili viene messa in vendita on-line. L’acquisto si può effettuare sul sito: www.vivaticket.it  L’acquisto on-line e la prevendita comportano un aggravio del costo del biglietto in favore del gestore del servizio.

 

INFO:

Rete Teatrale della provincia di Pesaro e Urbino via Mazzolari 4, Pesaro

tel. 0721 3592515,  cell. 366 6305500

www.amat.marche.it  [email protected]

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2017 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.