Conter (FdI): “A Fano disastrosa condizione di abusivismo e illegalità”

“Eccoci nuovamente a parlare – esordisce Letizia Conter di Fratelli D’Italia Fano – della disastrosa condizione di abusivismo ed illegalità che persiste, non solo al parcheggio dell’ex Foro Boario, ma ormai in quasi tutti i principali parcheggi della nostra città. La situazione dei parcheggiatori abusivi è diventata insopportabile e intollerabile per i cittadini di Fano, che sono costretti a subire angherie, soprusi e atti vandalici da queste persone che chiedono il “pizzo” in tutti i parcheggi della città.

L’azione preventiva, o almeno il tentativo, da parte della Polizia Locale di Fano è certamente determinante, eppure il fenomeno è tutt’altro che diminuito. La Legge n. 48 del 18 aprile 2017 definisce soltanto le sanzioni amministrative pecuniarie (da 1.000 a 3.500 €) legate all’attività abusiva di parcheggiatore. Come sottolineato dal Comandante Annarita Montagna, è chiaro che queste multe non verranno mai pagate dai soggetti in questione, visto che si tratta di persone senza fissa dimora o, permettetemi di aggiungere, probabilmente senza validi documenti di riconoscimento. E quindi l’illecito viene costantemente reiterato, così com’è sotto gli occhi di tutti noi e con la “benedizione” della nostra Amministrazione, che è complice di questa illegalità.

Tuttavia, la Corte di cassazione ha confermato più volte che la condotta del parcheggiatore abusivo è idonea, in taluni casi, a configurare un’ipotesi di estorsione (ad esempio Cass. n. 21941/2012, 10305/2013). Ai sensi del’Art. n.629 del Codice Penale l’estorsione infatti è il reato commesso da chi, con violenza o minaccia (che può assumere qualsiasi forma e può essere anche manifesta o implicita), costringe qualcuno a fare o a non fare qualcosa per trarre per sé o altri un ingiusto profitto con altrui danno.

Il parcheggiatore abusivo che costringe i cittadini che utilizzano gli spazi adibiti a parcheggio a consegnare del denaro al fine di evitare il danneggiamento dei veicoli (quanti di noi hanno subito questa minaccia?) commette proprio il reato di estorsione. Vogliamo dunque continuare ad essere vittime di questo reato (penale peraltro), tollerando e giustificando questa forma di micro-criminalità?”

Condividi:
Copyright © 2018 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.