Fratelli d’Italia: “Basta con proclami sul parco urbano, serve sgambatoio in zona aeroporto”

“L’area verde in zona aeroporto – spiega Stefano Pollegioni, coordinatore FdI Fano – è recentemente passata dal Demanio al Comune di Fano che dovrebbe valorizzarla invece continua ad essere terra di nessuno.  La  realizzazione di un parco urbano in questa zona è stata molte volte sventolata dalla maggioranza fanese che come al solito ai proclami non fa seguire le azioni. Persino Riccardo Severi capogruppo della lista civica Noi Città e membro di peso della maggioranza ha più volte sollevato il problema del parco urbano ma come sappiamo a Fano comanda il Partito Democratico e la priorità è smantellare l’Ospedale Santa Croce e non il parco urbano.

La situazione nella zona dell’aeroporto è desolante: erba alta, strade dissestate, di sacchetti di immondizia e altro gettati da persone di passaggio incuranti di un bene che è di tutti.Il piccolo parco realizzato qualche anno fa, in fondo a via della Colonna, con  panchine e tavoli in legno  è oramai frequentato da coloro che, non avendo uno sgambatoio, portano i loro cani anche di grossa taglia e spesso liberi dal guinzaglio. Questo fa si che altri utenti,  pur volendo, non si avvicinano a quel luogo tra l’altro realizzato per tutti. Fatevi un giro nella zona dell’aeroporto e vedrete tantissimi cani spesso senza guinzaglio scorrazzare liberi. Non di rado si tratta di cani di grossa taglia ed è ovvio che chi vuole passeggiare in questo polmone verde della città ci pensa per paura di essere aggredito

Un amministrazione seria risolverebbe con una semplice azione due problemi: creare uno sgambatoio recintato nella zona dell’aeroporto in modo che i cani abbiamo uno spazio protetto dove scorrazzare liberi e allo stesso garantire l’incolumità alle persone che vogliono fare movimento o stare all’aperto senza paura di essere aggrediti dai cani. Inoltre con uno sgambatoio non ci sarebbero più alibi per quelle persone che lasciano liberi i loro cani e si potrebbero fare dei semplici controlli per sanzionare chi viola la legge e mette in pericolo l’incolumità degli altri

Ormai una famiglia su due hanno in casa un animale domestico  e  avere degli spazi da adibire ai loro bisogni è ormai diventata una priorità  che non può essere trascurata.

La primavera è alle porte e se il Comune non provvede ad uno sgambatoio attrezzato la zona dell’aeroporto continuerà il suo percorso verso il degrado

Pochi anni fa alcuni solerti consiglieri del PD che allora era all’opposizione si erano adoperati nel “tour del degrado”. Ora che sono al governo della città hanno smesso di farsi pubblicità perché il degrado sta aumentando ed anche le più semplici azioni non vengono compiute

Lo sgambatoio nella zona dell’aeroporto è una esigenza molto sentita e riconsegnerebbe questa area ai cittadini. Vediamo ora se l’Amministrazione raccoglierà l’invito di tanti cittadini e si adopererà per uno sgambatoio attrezzato. Del resto la realizzazione del parco urbano può aspettare, cosi come l’ospedale nuovo a Chiaruccia, la ristrutturazione della Caserma Paolini e tutte le favole che ci stanno raccontando ma lo sgambatoio è una esigenza immediata.

Con determinazione e buona volontà si può realizzare velocemente uno sgambatoio in questa area magari gestito e custodito da associazioni o dagli stessi proprietari dei cani. Non è necessario organizzare i soliti mega incontri pubblici sulla pianificazione condivisa che tanto piacciono alla maggioranza fanese e che poi si traducono nel completo immobilismo. Basta mettere una semplice rete e ridare dignità ai cani e alle persone che vogliono usufruire di questa area verde e non vogliono mandare in malore una intesa area.

Molte persone si stanno lamentando perché Fano non ha la giusta considerazione per i nostri amici animali. Questa  mancanza potrebbe essere risolta individuando degli spazi, oltre alla zona aeroporto, in ogni quartiere,  da adibire a sgambatoio  per cani attrezzandoli del necessario”.

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2017 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.