“Parco tecnologico, così l’ambiente diventerà una risorsa economica”, il progetto della candidata sindaca Ruggeri. Seimila alberi per una riforestazione

“L’ambiente è una primaria risorsa della comunità, da tutelare – spiega Marta Ruggeri, candidata sindaca del M5S di Fano – per garantire la qualità della vita e da promuovere per implementare un nuovo modello di sviluppo. C’è un filo verde che lega tutte le politiche di #fanosicuradise, il programma per la rinascita sociale ed economica di Fano, elaborato dal Movimento 5 Stelle con il concorso delle forze e delle intelligenze vive della comunità, che definisce un modello di città sostenibile, attiva nei processi dell’economia circolare e alimentata da fonti energetiche rinnovabili.

Centrale in questo disegno è la previsione di un parco scientifico tecnologico, un progetto strategico per favorire la ripresa economica seguendo l’indirizzo dell’innovazione. Si tratta di mettere insieme le risorse pubbliche e private, coinvolgendo i principali attori del panorama scientifico, finanziario, economico ed imprenditoriale operanti nel territorio (università di Urbino, Ancona e Bologna, Camera di Commercio, banche, associazione degli industriali, associazioni di categoria) per creare un centro di ricerca incubatore di imprese che favorisca la nascita di start up nel settore dell’economia verde e dell’economia blu. L’occasione è data dalla necessità di conciliare, attraverso nuovi sistemi organizzativi ed economici, le ragioni della produzione con quelle della salvaguardia dell’ambiente attraverso la riduzione dei gas serra. Decisiva è la ricerca per applicazioni tecnologiche nei settori della pesca, dell’agricoltura e dell’industria che sviluppino nuovi cicli produttivi nella logica del riuso e del riciclo dell’economia circolare.

Il programma #fanosicuradise, volto a ridurre l’inquinamento e a favorire la rinaturalizzazione della città e del territorio, prevede anche l’applicazione delle tecnologie dell’efficientamento energetico e lo sviluppo delle fonti rinnovabili nella rigenerazione urbana di Fano, soddisfacendo le nuove esigenze urbanistiche con il consumo zero del suolo; la realizzazione di un partecipato progetto di riforestazione urbana denominato “Cuore verde” con la piantumazione di 6.000 alberi; lo sviluppo dei parchi, delle aree verdi e degli orti urbani; la promozione di un piano di viabilità ciclopedonale protetta alternativa a quella veicolare; la riorganizzazione del traffico portando all’esterno della città quello di attraversamento e decongestionando l’area urbana a favore della mobilità dolce; l’adesione alla strategia Rifiuti zero per ridurre la produzione degli scarti urbani e aziendali; l’incentivazione dell’agricoltura sostenibile e dei prodotti a chilometri zero con l’organizzazione di un mercato al coperto di prodotti del territorio; la rinascita del centro storico come cuore pulsante della città per le attività economiche e culturali e le relazioni dei cittadini.

Nel programma, consultabile sul sito www.martaruggeri.it al quale è possibile ancora contribuire con suggerimenti e proposte, c’è una visione strategica dello sviluppo di Fano che trasforma le criticità ambientali del nostro tempo in occasioni di crescita economica, culturale e del benessere della nostra comunità locale”.

Condividi:
Copyright © 2019 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.