Salvini-Santori a Pesaro: scatta la campagna elettorale per le regionali

Matteo Salvini, leader della Lega in piazza del Popolo, Mattia Santori, leader delle Sardine, a piazzale Lazzarini, 450 metri più in là. Giornata politica intensa ieri a Pesaro.

“A me i marchigiani chiedono il cambiamento, mandare a casa Ceriscioli e il Pd con una squadra e un progetto serio. Il nome del candidato arriverà, prima devono arrivare il progetto e un squadra”. Lo ha detto a Pesaro il leader della Lega Matteo Salvini a proposito delle prossime elezioni regionali nelle Marche. “Le priorità sono evidenti – ha spiegato – sanità, infrastrutture, sostegno al commercio alle imprese. E’ un territorio stupendo, trascurato dalla politica e dalla sinistra in questi anni”. Ai giornalisti che chiedevano se gli piacesse il nome di Francesco Acquaroli, il deputato di Fratelli d’Italia candidato in ‘pectore’ del centrodestra, Salvini ha risposto: “Non do commenti sulle persone”. “Un candidato senza tessera di partito? C’è tanta gente che si sta avvicinando – ha risposto Salvini – questo per me è motivo d’orgoglio. La Lega e il centrodestra sono attrattivi, devono guardare oltre le bandiere di partito e dunque stiamo ascoltando e incontrando tanta bella gente”.

“Conte sta preparando l’agenda 2020-2023? Conte dovrebbe preparare gli scatoloni e andare a casa: stanno ingessando, bloccando l’Italia con i loro litigi con il loro nulla…l’unica cosa per cui si sono messi d’accordo è mandarmi a processo”. Così Matteo Salvini a Pesaro rispondendo alle domande dei giornalisti a margine di un comizio alla presenza di qualche migliaio di persone. “Le Marche e l’Italia non hanno bisogno di Salvini a processo – ha aggiunto – ma di strade autostrade, aeroporti, ferrovie, porti riforma della giustizia del lavoro, delle tasse…questi sanno solo litigare.
Se avessero dignità Conte in primis e tutti gli altri andrebbero a casa”, come riporta l’Ansa.

“Abbiamo appena concluso una riunione con i referenti delle Sardine marchigiane, ancora non c’è una linea condivisa, ma ci rivedremo anche nei prossimi giorni. Quello che ci auguriamo è che il centrosinistra possa trovare un candidato condiviso e che si possa iniziare a parlare dei contenuti. Anche la scelta di un candidato civico può pagare, ma decideranno le liste che formeranno la coalizione”.
Lo ha detto Mattia Santori, leader delle Sardine, a Pesaro, a piazzale Lazzarini, 450 metri più in là rispetto al comizio di Matteo Salvini”. L’obiettivo “è di fermare un certo tipo di destra, che vedendo anche i nomi che girano nelle Marche è molto più bieca ed estrema di quella che conosciamo” ha aggiunto, dopo avarere ricevuto in dono il fazzoletto dell’Anpi dalla presidente Matile Della Fornace. “Nelle Marche – ha annunciato – la sinistra dovrà far suoi i temi di sanità, lavoro, terremoto rispetto ai quali si giocherà una campagna elettorale dai toni accesi”.

La “stagione delle piazze così come l’abbiamo conosciuta a novembre forse finirà e forse è già finita…”. Lo ha detto Mattia Santori a Pesaro, davanti a qualche centinaio di sardine, che lui ha invitato a “innovare la politica”. “La politica è una cosa bellissima se fatta in un certo modo” ha detto, mettendo in guardia dal “mostro del populismo che sta distruggendo la politica e la società”. In piazzale Lazzarini a qualche centinaio di metri di distanza dal comizio di Matteo Salvini, Santori ha ricevuto in dono dalla presidente dell’Anpi Matilde Della Fornace, il fazzoletto tricolore dell’Associazione partigiani. “Questa è la generazione dei nipoti dei partigiani – ha detto Della Fornace -. E’ un modo per tenere viva questa memoria”. In piazza striscioni del gruppo “6000sardine Marche”, uno con scritto “Zaky libero” di solidarietà per Patrick George Zaki, lo studente arrestato in Egitto. E poi “Dal letame nascono i fiori, da Salvini non nasce niente”, “Nessun migrante ha rubato 49 milioni di euro”, come riporta l’Ansa.

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2020 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.