Fano, Confcommercio e Cna: “Sbalorditi dalla superficialità dell’Amministrazione. Una città senza attività commerciali è una città spenta”

“Apprendiamo dalla stampa che è partita la rivoluzione del centro storico :” via le auto”.

La priorità dell’Amministrazione Comunale è  la chiusura  di Piazza Andrea  Costa e Via Cavour – si legge in una nota dei direttivi Confcommercio e Cna Fano -.

Siamo sbalorditi dalla superficialità dell’Amministrazione Comunale e in particolare dell’Assessore Tonelli.

Questa mattina dopo aver sentito il Direttivo ho contattato il Sindaco e l’Assessore Lucarelli per rappresentargli la protesta di Confcommercio e CNA. Noi abbiamo deciso di collaborare con l’Amministrazione Comunale ma non accettiamo queste fughe in avanti lesive dell’immagine  del Centro storico e del Commercio. Con l’Assessore Lucarelli  abbiamo condiviso un percorso di rilancio del Centro Storico che sta vivendo una crisi senza precedenti,  è sotto gli occhi di tutti la desertificazione commerciale e la chiusura di tante attività. Negli incontri che abbiamo tenuto con l’Assessore Lucarelli abbiamo stabilito la creazione di un metodo di lavoro che ci possa portare a conoscere in modo più dettagliato le caratteristiche peculiari del nostro centro storico per affrontare in modo determinante i cambiamenti e le abitudini di chi vive e spende nella città.

Rilanciare il centro storico per noi è l’obbiettivo primario mentre assistiamo a continue esternazioni da parte dell’Assessore  Tonelli che minano questo percorso e introducono nel dibattito politico una lotta ideologica  tra commercianti  e sostenibilità.

Lo sviluppo sostenibile è ciò che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i propri. Pensare ad uno sviluppo sostenibile significa tenere insieme gli interessi economici, i posti di lavoro, fruibilità pedonale e la possibilità’ di parcheggiare  comodamente senza mettere a rischio i pedoni. Pertanto  modifiche all’attuale viabilità per noi sono concepibili soltanto se dopo aver realizzato infrastrutture strategiche e nuovi parcheggi, così come succede nelle città turistiche. Basta contrapposizioni pretestuose. Come rappresentanti dei Commercianti, vogliamo rilanciare un messaggio chiaro: non possiamo tollerare, a danno delle imprese, il dilettantistico dell’assessore Tonelli che comprometterebbe la tenuta della città. Ricordiamo a tutti che una città senza attività commerciali è una città spenta”.

CONDIVIDI:
Contenuto Non visibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Copyright © 2019 - Marco Spadola

Licenza Creative Commons

Lascia un Commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.